Avvenire di Calabria

Presentati oggi i risultati di uno studio che mette in rapporto degrado sociale, ambientale e povertà

Ecologia integrale, Caritas-Legambiente: «Italia spaccata in due»

Patrizia Caiffa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quale rapporto tra degrado sociale, ambientale e povertà in Italia? Da un rapporto di Caritas italiana e Legambiente reso noto oggi emerge un Paese spaccato in due, anche a livello di buone pratiche. Con alcune sorprese e regioni insospettabili in posizione inedita. Lombardia, Emilia Romagna, Trentino, Veneto e Piemonte hanno migliori risorse socio-ambientali, ma anche criticità. Le regioni più fragili sono invece Campania, Puglia e Lazio. Il volume, intitolato “Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale, viene presentato oggi on line, nel quinto anniversario dell’enciclica Laudato sì di Papa Francesco, alle cui parole sono ispirati i temi di indagine. I dati dello studio sono stati raccolti attraverso i Centri di ascolto Caritas presenti in ogni diocesi d’Italia e le indagini svolte da Legambiente nel corso delle sue attività. Risulta la fotografia di un’Italia spaccata in due, con quasi tutte le regioni del Nord collocate nel saldo positivo: Lombardia, Emilia Romagna, Trentino, Veneto e Piemonte. Fanno eccezione Liguria e Valle d’Aosta (quest’ultima per il solo ambito ambientale). Tutte le regioni del Mezzogiorno, invece, pur avendo grandi risorse ambientali che potrebbero essere valorizzate maggiormente, presentano “un grave deficit complessivo” a causa di fragilità sociali che incidono sulla qualità della vita: disoccupazione, dispersione scolastica, bassi livelli di reddito e alti livelli di disuguaglianza, saldo migratorio negativo, grave deprivazione materiale, durata abnorme dei procedimenti civili, ampie aree contaminate da bonificare. La regione più fragile a livello socio-ambientale è la Campania, seguita dalla Puglia. Al terzo posto si colloca il Lazio, mentre la Toscana (sesta) deve fare i conti con un insieme di fragilità superiore a quello della Calabria. Non mancano le sorprese: tre regioni del Nord figurano nelle prime 10 posizioni di questa “classifica delle criticità”: Emilia-Romagna, Liguria e Lombardia, rispettivamente all’ottavo, nono e decimo posto.

Articoli Correlati

Sono 7 i comuni “ricicloni” in Calabria

Non c’è nessun comune della Città metropolitana di Reggio Calabria, tra i 7 promossi a “ricicloni” da Legambiente. Un dato esiguo, ma che dimostra che anche qui si può fare.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.