Avvenire di Calabria

Economia meridionale, è ancora crisi

In questo momento ci vorrebbero cure da cavallo per risollevare buona parte del Mezzogiorno

Nicola Salvagnin

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’analisi dei flussi autostradali conferma che l’Italia si sta riprendendo: aumentano i transiti di auto e soprattutto di mezzi pesanti. Che nel nostro Paese sono un indicatore chiaro di dinamismo economico, in quanto quasi tutte le merci viaggiano ancora su gomma.
La ripresa è forte in Lombardia e nel Nordest. Ha la stessa intensità lungo la via Emilia fino a Rimini. Nel Marchigiano i numeri sono buoni, anche se il traffico racconta di una realtà fatta soprattutto di medio-piccole imprese con business a corto raggio. In crescita, pure se con numeri decisamente inferiori, nel resto della dorsale adriatica, con un vero e proprio boom nel tratto Canosa-Bari-Taranto, insomma in quella Puglia che si conferma – con l’area Napoli-Caserta-Salerno – il motore del Mezzogiorno.
Qui a tirare sono l’agroalimentare, il turismo, il tessile, il metalmeccanico. Ma qui finiscono pure le buone notizie per il nostro Sud. I due poli campano-pugliesi, che tra l’altro saranno pure collegati (in tempi biblici) dall’alta velocità ferroviaria; a loro volta collegati economicamente dagli stabilimenti Fca-Chrysler sparsi nel territorio, la lucana Melfi in primis. E poco altro.
Se Cristo s’era fermato ad Eboli, a livello economico grandi progressi non ne sono stati fatti, in tutti i sensi. Da lì in giù, un po’ di agroalimentare e turismo, tra l’altro ora messo in croce dalla perdita di alcuni voli Ryanair che – a caro prezzo per gli aeroporti – portavano passeggeri in alcuni scali del Mezzogiorno. Voli che magari ritorneranno, ma il problema evidenzia la mancanza di collegamenti rapidi e validi con una fetta di Paese che Romano Prodi vent’anni fa sognava come la California d’Europa, e ora è il Peloponneso d’Italia: bello, scomodo, impoverito, sempre più disabitato.
Ma questo non sembra essere un problema nazionale bensì locale, quindi non è un problema, sparisce dai radar. Si tira a campare con forti dosi di assistenzialismo pubblico, nel momento in cui il bilancio statale piange; i fondi europei vengono erogati solo se si fa qualcosa di valido (e neppure in questi casi riescono ad essere spesi); alcune Regioni del Nord stanno chiedendo – tramite referendum la Lombardia e il Veneto, direttamente al Governo l’Emilia Romagna – maggiori autonomie finanziarie. In parole povere, più soldi da trattenere in casa e meno da mandare in Calabria o Sardegna.
Non sembrano bei segnali in un momento in cui ci vorrebbero cure da cavallo per risollevare buona parte del Mezzogiorno, soprattutto quello insulare e appenninico. Non vorremmo essere pessimisti, anche se difettano i motivi per essere ottimisti.

Articoli Correlati

Economy of Francesco

Il Papa rilancia “Economy of Francesco”

Torna la seconda edizione. Giovani imprenditori ed economisti protagonisti di un evento planetario. Il videomessaggio di Papa Bergoglio: «La fraternità viene prima dei soldi».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.