Ecoreati, Reggio in cima alla classifica degli incendi boschivi – avveniredicalabria

avveniredicalabria

I risultati dell’indagine hanno evidenziato ''un maggior numero dei procedimenti presso le Procure''

Ecoreati, Reggio in cima alla classifica degli incendi boschivi

Luigi Iacopino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Reggio Calabria è tra i comuni maggiormente colpiti del fenomeno dell'incendio boschivo ad opera di ignoti. A rivelarlo è il report dell’Istat “I reati contro ambiente e paesaggio: i dati delle procure” che ha considerato il numero degli episodi verificatisi nel periodo 2006-2015, stilando una classifica nella quale vengono inclusi anche i comuni di Peschici (provincia di Foggia) “che presenta un picco tra il 2007 e il 2010, Roma, Palermo” e poi “Itri (provincia di Latina), Gela (provincia di Caltanissetta), Acri (provincia di Cosenza), Cosenza, Fondi (provincia di Latina)”. Secondo quanto risulta dall’indagine condotta dall’Istituto Nazionale di Statistica, la situazione – la cui gravità dipende sia dal numero di incendi che dalla loro estensione – a parte qualche eccezione, ha fatto registrare un miglioramento nel 2015. A ciò si aggiunga, tuttavia, che “la superficie percorsa dal fuoco rispetto alla superficie forestale regionale nell’anno 2015 è stata maggiore per la Sicilia (17,2 per 1.000 ettari), la Puglia (16,4), la Campania (12,0), la Calabria (9,8) e il Lazio (8,9)”, a fronte di un dato medio nazionale nettamente inferiore, che si attesta su 3,8 per mille ettari.

È emersa la “grande complessità” del tema della “protezione dell’ambiente”, soprattutto in relazione a fenomeni come lo sviluppo economico e l’antropizzazione del territorio. Valutazione, questa, che ha determinato non solo una “crescente attenzione per le problematiche ambientali” ma anche una “rapida crescita della produzione legislativa” diretta alla salvaguardia dell’ambiente.

I risultati dell’indagine hanno evidenziato “un maggior numero dei procedimenti presso le Procure”, in corrispondenza di un aumento delle norme di tutela, soprattutto per violazioni ambientali nel Sud e nelle Isole. In particolar modo si segnala che “nel 2016 la maggior parte delle violazioni contestate riguarda la gestione dei rifiuti (8.792 procedimenti) e delle acque reflue (1.636)”, nonché un aumentano dei procedimenti per incenerimento dei rifiuti. Sono, invece, in diminuzione “le azioni penali avviate per traffico organizzato di rifiuti” e “il numero complessivo delle violazioni edilizie”, piaga, quest’ultima, particolarmente presente in Calabria.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.