Elezioni, ecco i risultati della nostra indagine di gradimento – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Non mancano le sorprese: infatti, c'è un fortissimo testa a testa tra gli antagonisti del sindaco uscente

Elezioni, ecco i risultati della nostra indagine di gradimento

Davide Imeneo e Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’estate elettorale, con molte probabilità, avrà una propaggine autunnale. Il secondo turno - previsto per il 4 e 5 ottobre - sembra (quasi) certo. Si è conclusa alle 20 di oggi, l'indagine anonima di gradimento sui 9 candidati a sindaco di Reggio Calabria promossa dalla nostra redazione, alla quale hanno partecipato ben 3.111 persone. Una rilevazione sottoposta ai lettori/followers de L'Avvenire di Calabria. Si ribadisce, pertanto, che non si tratta di un sondaggio statistico e scientifico. Dell'attività di ricerca e analisi giornalistica - tra l'altro - sono state informate tutti i candidati-sindaco in corsa per le elezioni comunali del 20 e 21 settembre prossimo.

Il contesto. L'elaborazione dei dati è resa pubblica prima dell'entrata in vigore del divieto di pubblicazione di sondaggi/indagini, indicata dall'Agcom per le 24 di oggi. L'indagine di gradimento intende calcolare le preferenze di voto di una comunità ben individuata (i lettori/followers de L'Avvenire di Calabria): i risultati ottenuti, pertanto, vanno interpretati in tal senso (e non in assoluto), poiché manifestano quali candidati (e con quale indice percentuale) sono riusciti a convincere - nel corso della campagna elettorale in corso - le sensibilità e le aspettative dei nostri lettori/followers.
 
Come già scritto, il dato che emerge è quello relativo al ballottaggio: tra le nove candidature, nessuna – secondo i dati elaborati su un campione di 3.111 persone – ha superato la soglia del 50%+1 dei voti. Va evidenziato, inoltre, come sia notevole il dato complessivo (ben il 16,5%) tra possibili astenuti (il 9,4% ha votato per “Non andrò a votare”) e chi si dichiara ancora indeciso (7,1%%).
 
Le persone che hanno espresso la propria preferenza di voto per uno dei nove candidati sindaco sono 2.598.
 
L'analisi. Il più cliccato è Falcomatà (28,48%). Un primato che, però, evidenzia un crollo dei consensi rispetto alla precedente tornata elettorale in cui il sindaco uscente vinse col 61% dei suffragi. Alla sue spalle è un vero e proprio testa a testa tra Marcianò (21,40%), sostenuta da tre liste civiche e la Fiamma Tricolore e Minicuci (21,33%), espressione del centrodestra.
 
I nostri lettori–votanti, poi, hanno sostenuto il percorso di due esperienze civiche nate – in senso lato – all’interno della propria comunità di riferimento: Pazzano si attesta al 11,66%, buona performance anche per Tortorella (7,12%). Una voglia di “pluralismo” incarnata anche da click racimolati da Davi (3,85%), Foti (3,73%), Putortì (1,58%) e Siclari (0,85%).

Ecco i dati in sintesi:
  • Giuseppe Falcomatà: 28,48%
  • Angela Marcianò: 21,40%
  • Antonino Minicuci: 21,33%
  • Saverio Pazzano: 11,66%
  • Maria Laura Tortorella: 7,12%
  • Klaus Davi: 3,85%
  • Fabio Foti: 3,73%
  • Fabio Putortì: 1,58%
  • Pino Siclari: 0,85%
Ripetiamo, ancora una volta, al fine di una corretta interpretazione dei dati forniti che il 7,1% dei votanti complessivi si è dichiarata indecisa.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.