avveniredicalabria

Il Procuratore di Catanzaro spiega come «i clan hanno messo nel mirino il brand Italia»

Fase Due, Gratteri: «La ‘ndrangheta è arrivata prima dello Stato»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nell’emergenza coronavirus «la ‘ndrangheta è già arrivata prima dello Stato, nel mirino c’è il brand Italia». A dirlo in un’intervista a "La Stampa" è il procuratore di Catanzaro di Catanzaro Nicola Gratteri, convinto che «la ‘ndrangheta è una delle aziende italiane più solvibili».

Secondo il magistrato «c’è un welfare mafioso, che approfitta della mancanza dello Stato, e c’è il doping economico di cui hanno bisogno imprese e attività commerciali per non fallire» e le mafie che «hanno una liquidità sterminata dunque investono». Dove? Nel «narcotraffico internazionale, settore – ricorda Gratteri – in cui la ‘ndrangheta è leader nel mondo», e anzi «quasi monopolista».

La scarcerazione di imputati per mafia a causa del rischio di contagio, «non è stato un bel momento per noi – sottolinea il magistrato – perché l’opinione pubblica potrebbe averlo visto come un segno di debolezza» anche perché «l’1 maggio, su una popolazione carceraria di 60mila detenuti, abbiamo avuto 159 casi di Covid. Due mesi e mezzo fa, quando erano 23, avevo detto che era più pericoloso sostare in piazza Duomo che stare a San Vittore».

Articoli Correlati

Covid-19. Altri 228 casi positivi in Calabria

Sono 228 i nuovi casi accertati in Calabria. È quanto emerge dall’ultimo bollettino del dipartimento tutela della salute della Regione Calabria. Secondo gli ultimi dati è la provincia di Reggio ad aver fatto registrare il più alto numero di positivi all’esito degli ultimi tamponi. In tutto 120.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.