Avvenire di Calabria

A segnalarlo è un'analisi di Coldiretti sui dati Istat. Restano stabili i prezzi di vegetali freschi e refrigerati

I prezzi della frutta cresciuti il triplo dell’inflazione

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I prezzi della frutta con un aumento tendenziale dell’1,9% sono cresciuti il triplo dell’inflazione, mentre sono rimasti stabili quelli dei vegetali freschi o refrigerati”. Lo segnala un’analisi della Coldiretti sui dati Istat che a febbraio ne rilevano un aumento per il secondo mese consecutivo.


“In generale i prezzi dei beni alimentari – sottolinea Coldiretti – crescono dello 0,4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente per effetto soprattutto degli alimenti non lavorati che con uno 0,7% in più contribuiscono all’uscita dalla deflazione”. Una situazione che, secondo l’associazione, “favorisce le speculazioni nei campi dove molti prodotti, dagli agrumi ai carciofi, vengono sottopagati agli agricoltori in controtendenza agli aumenti sugli scaffali”.

“Di fronte ad una emergenza senza precedenti serve responsabilità con un ‘patto etico di filiera’ – conclude Coldiretti – per garantire una adeguata remunerazione dei prodotti agricoli e privilegiare nella distribuzione il Made in Italy a tutela dell’economia, dell’occupazione e del territorio come sostenuto dalla campagna Coldiretti #mangiaitaliano”.

F.P. (Agensir)
 

Articoli Correlati

Covid: tornano gli «orti di guerra» per 4 italiani su 10

Si coltivano frutta e verdura in giardini, terrazzi e orti urbani spinti dalla crisi economica ma anche dalla voglia di trascorrere più tempo all’aperto dopo le lunghe settimane di lockdown e misure di restrizione contro la pandemia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.