Avvenire di Calabria

Storia della vocazione del "piccolo giudice" recentemente dichiarato beato raccontata dallo storico giornalista di Avvenire

“Il giudice giusto”. È uscito il libro di Toni Mira sul beato Rosario Livatino

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Il compito del magistrato è quello di decidere. Orbene, decidere è scegliere e, a volte, tra numerose cose o strade o soluzioni. E scegliere è una delle cose più difficili che l’uomo sia chiamato a fare. Ed è proprio in questo scegliere per decidere, decidere per ordinare, che il magistrato credente può trovare un rapporto con Dio. Un rapporto diretto, perché il rendere giustizia è realizzazione di sé, è preghiera, è dedizione di sé a Dio. Un rapporto indiretto per il tramite dell’amore verso la persona giudicata». Rosario Livatino pronunciava queste parole il 30 aprile 1986 intervenendo a Canicattì alla conferenza su “Fede e diritto”.

Domenica 9 maggio, Livatino, il “piccolo giudice”, è stato dichiarato beato, tra i tanti magistrati assassinati dalla mafia, perché proprio lui? Tra tante motivazioni, perché descrisse il fare giustizia come atto di dedizione di sé a Dio, lui non “fa” il giudice ma “è” giudice, per vocazione assegnatagli da Dio. Toni Mira ha scritto un ricordo eccezionale del Giudice, per offrire la possibilità di un incontro faccia a faccia con un personaggio che è un altissimo esempio di valore civile e che scuote le coscienze di tutti noi ben più di quanto farebbe un “santo da immaginetta".

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.