Avvenire di Calabria

Giunto alla trentesima edizione, il premio "Nello Vincelli" rappresenta un riconoscimento di altissimo livello

Il premio “Nello Vincelli” al vaticanista Enzo Romeo

Premiato il vaticanista di origine reggine che ha saputo raccontare la vita dei papi da Giovanni Paolo II a Francesco

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il premio "Nello Vincelli" al vaticanista Enzo Romeo. Giunto alla trentesima edizione. La cerimonia si terrà al Parco verde di Salice, periferia nord di Reggio Calabria.

Il premio "Nello Vincelli" al vaticanista Enzo Romeo

Sarà il vaticanista reggino, Enzo Romeo, il trentesimo premiato del riconoscimento "Nello Vincelli". Un premio voluto dall'associazione "Nuova Solidarietà". Dal 1991 non manca l'attenzione vers una personalità calabrese che si sia distinta in Italia e nel mondo, non solo per qualità professionali, ma soprattutto per quelle morali e per gesti concreti di solidarietà. E quest'anno, la commissione ha individuato Enzo Romeo.

La cerimonia di premiazione si terrà il 2 agosto al parco verde di Salice. In questa occasione interverranno Fortunato Scopelliti, presidente di "Nuova Solidarietà" ed Enzo Petrolino, presidente della Comunità Diaconale Italiana.

Chi è Enzo Romeo?

Giornalista di lungo corso. Ha onorato la Calabria con la sua prestigiosa attività sempre al mondo della fede e al panorama sociale italiano e mondiale. Vaticanista ha raccontato i Pontificati di Giovanni Poalo II, Benedetto XVI e adesso Papa Francesco. È stato su alcuni dei principali fronti di tensione e teatri di politica internazionali degli ultimi decenni. I suoi numerosi saggi a carattere religioso e letterario, tradotti anche all’estero, lo hanno accreditato come qualificato "calabrese nel mondo". Rappresenta, per giovani, un esempio da seguire soprattutto per la coerente testimonianza professionale e pio il legame con la propria terra.

Articoli Correlati

Morrone scrive agli studenti

Morrone scrive agli studenti: «Siate costruttori di un mondo umano»

La lettera inviata dal presule reggino in occasione dell’apertura dell’anno scolastico. L’invito a ripartire dopo il Covid: «Il desiderio di vivere insieme, di condividere una comune avventura, è grido insopprimibile dell’anima acutizzato dalla pandemia, segnalandoci che le relazioni sono come l’ordito e la trama che strutturano il nostro tessuto umano, il tuo»

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.