Avvenire di Calabria

Nel cammino pastorale, il neo-parroco sarà supportato dal novello prete, don Antonio Ielo, alla sua prima esperienza dopo il Seminario

La parrocchia di Catona accoglie don Francesco Siclari

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel giorno in cui la Chiesa celebra gli Angeli custodi, la parrocchia San Dionigi di Catona ha accolto il nuovo parroco e il nuovo viceparroco nelle persone di don Francesco Siclari e don Antonio Ielo. All'inizio della celebrazione il catechista Giuseppe Mangano ha rivolto un caloroso ringraziamento al vescovo per il dono dei due sacerdoti che affiancheranno e guideranno la comunità parrocchiale nel suo cammino.

 
L'arcivescovo, durante l'omelia, ha ringraziato don Stefano Ripepi, parroco di Catona fino alla scorsa settimana, "per il servizio fedele, fruttuoso e intelligente che ha reso in questa parrocchia. Mi auguro che il nuovo parroco riprenda il cammino dal punto in cui il predecessore lo ha lasciato". Il presule, poi, si è soffermato proprio sul senso del cammino cristiano: "La Chiesa è il popolo di Dio in cammino, le cui guide si passano il testimone per far continuare a camminare. L'unica traiettoria del nostro percorso deve essere Gesù Cristo e l'annuncio del suo Vangelo".
 
Quindi Morosini ha contestualizzato l'impegno dei credenti nell'attuale situazione dell'occidente: "Viviamo in un tempo di scristianizzazione di massa, un fenomeno col quale dobbiamo fare i conti: per questo oggi, nel mondo, c'è bisogno di autentici testimoni del Vangelo. Sulla fede non si possono fare sconti, si deve fare chiarezza nell'insegnarla e nell'indicarla. Ogni parroco, come "angelo che guida la comunità", deve avere la pazienza di prendere per mano, di insegnare e di attendere che la fede venga compresa dal popolo che la Chiesa gli ha affidato".
 
Infine l'arcivescovo ha specificato la straordinarietà del dono fatto alla parrocchia di Catona: "vi lascio un parroco e un viceparroco ma per un anno dovremo fare a metà". Don Francesco Siclari e don Antonio Ielo, infatti, continueranno a svolgere l'importante ministero di segretari particolari dell'arcivescovo e collaboreranno, quindi, in entrambi gli incarichi. Al termine della messa il nuovo parroco, don Francesco Siclari, ha preso la parola per un discorso di ringraziamento.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.