L’accordo, le clementine calabresi nell’ortofrutta di Esselunga – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Il marchio Fdai – Firmato dagli agricoltori italiani di Filiera Agricola Italiana - è uno strumento unico che consente il dialogo di filiera

L’accordo, le clementine calabresi nell’ortofrutta di Esselunga

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con il marchio Fdai – Firmato dagli agricoltori italiani di Filiera Agricola Italiana – Coldiretti, nei reparti ortofrutta di Esselunga i cittadini-consumatori potranno trovare la clementina calabrese.
«Dopo aver evidenziato le difficoltà delle aziende - spiega Franco Aceto presidente di Coldiretti Calabria – grazie a questo accordo che è uno strumento unico che consente il dialogo di filiera,  troveremo le nostre clementine in questo importante canale della distribuzione presente soprattutto nel centro-nord. Il marchio Firmato dagli Agricoltori Italiani, riconosce ai produttori il giusto prezzo e, inoltre, valorizza l'identità agricola e la tracciabilità geografica, elementi che sono indissolubilmente legati alla  clementina calabrese e poi da lustro alla vocazione produttiva della sibaritide. Ci sarà la possibilità – continua – di commercializzare clementine anche di calibro più piccolo, ma succose, saporite e di qualità che faranno apprezzare la distintività e qualità delle nostre produzioni. L’obiettivo dell’intesa che vede protagoniste alcune OP della sibaritide  - sottolinea Aceto -  è aprire sbocchi di mercato per promuovere la competitività del nostro prodotto, con concrete ricadute economiche sui territori. Il prodotto verrà presentato con un packaging dedicato che ne illustrerà anche la provenienza. Nelle prossime settimane si realizzerà anche un altro progetto che porterà sugli scaffali di un altro importante player della GDO 500.000 confezioni da litro di succo di clementine di Calabria IGP. Questo lavoro sinergico con la Grande Distribuzione Organizzata – conclude Aceto -  unisce gli sforzi, accorcia la filiera  e valorizza in generale le eccellenze locali, in questo caso le clementine. Continueremo a lavorare con questo metodo e a percorrere questa strada!». 

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.