Avvenire di Calabria

Le suore francescane sono arrivate nel quartiere reggino nel lontano 1921: pronti due giorni di festa e preghiera

Le alcantarine festeggiano i cento anni ad Archi

Nel secolo trascorso sono tantissime le storie di impegno, conversione e speranza in un territorio prezioso, ma fragile

di Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le alcantarine festeggiano i cento anni ad Archi. Le suore si apprestano a una due giorni di festa per ricordare il loro arrivo nel quartiere di Reggio Calabria.

Le alcantarine festeggiano i cento anni ad Archi

Il 9 e 10 ottobre si terranno due momenti di riflessione e festa presso la parrocchia di San Giovanni Battista, nel quartiere di Archi (Reggio Calabria), attigua al convento in cui risiedono le suore francescane alcantarine.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Proprio la presenza delle consacrate, il cui arrivo è risalente al 1921, è il motivo di rendere grazie al Signore per le tantissime storie di impegno, conversione e speranza sparse lungo questo secolo di servizio ecclesiale.

Le suore alcantarine con un gruppo di giovani volontari

In particolare, il 9 ottobre alle 20.30, le suore francescane alcantarine propongono una serata giovani in parrocchia. Un tempo proficuo per rivivere insieme i tantissimi anni di volontariato speso su un territorio prezioso, ma fragile, come Archi.


PER APPROFONDIRE: Il reportage. Le suore alcantariene di Archi al servizio degli ultimi


Poi, il 10 ottobre alle 11, l'arcivescovo di Reggio Calabria - Bova, monsignor Fortunato Morrone, presiederà la santa messa presso la parrocchia di San Giovanni Battista ad Archi.

Un momento di ecclesialità che rafforza il rapporto di comunione tra le suore e l'arcidiocesi di Reggio-Bova. Ricordiamo, infatti, che le stesse alcantarine gestiscono un centro d'ascolto diocesano sul territorio intitolato alla memoria di don Italo Calabrò.

Articoli Correlati

L'impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

L’impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

Conosciamo da vicino le numerose opere della Caritas dislocate sul territorio diocesano di Reggio Calabria – Bova. In particolare, va evidenziato il grande lavoro dei centri d’ascolto della Caritas diocesana che sono tre e con diverse ubicazioni in Città.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.