Avvenire di Calabria

I vescovi calabresi hanno ufficializzato alcuni incarichi che riguardano diversi sacerdoti delle divere diocesi locali

Nuove nomine della Conferenza episcopale calabra

Due le nomine reggine, tra loro c'è anche il nuovo sottosegretario della Conferenza episcopale calabra

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nei giorni scorsi la Conferenza episcopale calabra (Cec) ha provveduto ad alcune nuove nomine. I vescovi calabresi hanno ufficializzato alcuni incarichi che riguardano diversi sacerdoti delle divere diocesi locali.

Le nuove nomine della Conferenza episcopale calabra

Si tratta di responsabilità importanti sotto il profilo pastorale per giovani, universitari e famiglie. Inoltre don Pietro Sergi, sacerdote della arcidiocesi di Reggio – Bova, è stato nominato sottosegretario della Cec.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Don Pasquale Gentile (arcidiocesi di Catanzaro – Squillace) è stato confermato economo della Conferenza episcopale calabra e don Luigi Di Luca (Cassano all’Jonio) è stato nominato assistente regionale di Azione cattolica per il Settore Giovani. E ancora: don Michele Fortino, sacerdote della arcidiocesi di Cosenza – Bisignano, è stato nominato assistente regionale Agesci; mentre don Francesco Cuzzocrea, sacerdote reggino, è stato nominato assistente della Federazione regionale calabrese dei Consultori familiari di ispirazione cristiana. E infine padre Francesco Lanzillotta è stato nominato assistente spirituale per l’Università Cattolica in Calabria.


PER APPROFONDIRE: I vescovi calabresi incontrano il governatore Roberto Occhiuto


La sessione invernale della Cec

La Conferenza episcopale calabra, per la prima volta presieduta dall’arcivescovo Fortunato Morrone eletto presidente il 4 ottobre scorso, si è riunita per la consueta sessione invernale presso il Seminario arcivescovile Pio XI di Reggio Calabria dal 31 gennaio al 1 febbraio, anche in concomitanza della apertura dell’anno giudiziario del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro (Teic) e del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro d’appello (Teica).

In continuità con lo spirito sinodale che la Chiesa universale e le Chiesa in Calabria in particolare stanno vivendo, spronati da papa Francesco ad intraprendere il cammino in uscita per abbracciare le istanze del territorio, i vescovi hanno voluto aprire un dialogo con il mondo istituzionale, invitando ad un incontro il presidente della Regione Calabria, l’On. Roberto Occhiuto. Nel ringraziarlo per aver accolto l’invito, in un clima di fiducia reciproca, di ascolto e di scambio, i presuli hanno fatto presente al Presidente le istanze, raccolte quotidianamente dalla nostra gente.

Articoli Correlati

cantiere sinodale reggio bova

Reggio-Bova, il “cantiere” sinodale riparte dall’esempio di Betania

«Nessuno si salva da solo», la due giorni vissuta al Soccorso restituisce argomenti per il laicato reggino. La riflessione del Segretario Consulta diocesana per le Aggregazioni Laicali sull’inizio del nuovo anno pastorale: «Gettare la maschera di discussioni e scetticismi che ci fanno camminare col freno a mano tirato».