Marcia Perugia-Assisi, l’11 ottobre una «Catena umana» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Tutti i partecipanti indosseranno i dispositivi di protezione individuale e si manterranno alla distanza di almeno due metri gli uni dagli altri

Marcia Perugia-Assisi, l’11 ottobre una «Catena umana»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Patrizia Caiffa* - La Marcia della pace Perugia-Assisi che si svolgerà domenica 11 ottobre darà voce “a chi non ha né mascherine, né disinfettanti, né cure. Ai bambini e alle bambine, alle donne, agli uomini, agli anziani, alle persone con disabilità torturate dal morso della fame e dalle malattie, abbandonati sotto le bombe e l’occupazione, nelle mani di dittatori, sfruttatori, carnefici senza coscienza e senza pietà. A tutte le persone che sono in fuga dalle guerre, dall’oppressione, dalla fame e dai cambiamenti climatici”.

Lo ricordano gli organizzatori, nel giorno in cui ricorre l’anniversario della prima Perugia-Assisi, ideata da Aldo Capitini il 24 settembre 1961, un piccolo e gracile uomo in difficili condizioni di salute di nome Aldo Capitini: “Era la prima volta, in Italia, che si marciava insieme per la pace “contro l’imperialismo, il razzismo, il colonialismo, lo sfruttamento, flagelli recenti e attuali dell’umanità”. Quest’anno la Marcia PerugiAssisi si trasformerà in una “Catena umana”, una manifestazione sottile, in forma statica, consentita dalla legge, che garantisce le distanze interpersonali di sicurezza previste dalle norme sanitarie anti-Covid. Tutti i partecipanti indosseranno i dispositivi di protezione individuale e si manterranno alla distanza di almeno due metri gli uni dagli altri. “Il Coronavirus non può fermare l’impegno dei costruttori di pace – concludono –. Non possiamo lasciarci dominare dalla paura”.

Info ed iscrizioni su www.perugiassisi.org.

*Agensir

Articoli Correlati

Dopo 53 anni la Marcia della pace si farà on line

L’iniziativa, che doveva svolgersi a Savona la sera del 31 dicembre, è promossa da Pax Christi Italia, insieme alla Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, Caritas italiana e Azione cattolica italiana

Nasce a Reggio il Coordinamento dialogo interreligioso

Aderiscono: Comunità Bahá’í; Comunità Buddhista; Chiesa Cattolica; Chiesa Cristiana Evangelica Battista Internazionale; Chiesa Cristiana Evangelica della Riconciliazione; Chiesa Cristiana Gesù Cristo è il Signore; Comunità Islamica; Comunità Sikh

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.