Marcianò e Minicuci bocciano l’uscente. Obiettivo ballottaggio? – avveniredicalabria

avveniredicalabria

L'ex assessore di Falcomatà e il candidato del centrodestra sono i meno clementi con l'attuale maggioranza a Palazzo San Giorgio

Marcianò e Minicuci bocciano l’uscente. Obiettivo ballottaggio?

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

VERSO IL VOTO/3 - «Reggio Calabria ha voglia di voltare pagina, ha voglia di rinascere dopo anni di oblio. I reggini meritano di ritrovare la dignità, completamente persa loro malgrado in questi anni. Riteniamo inaccettabile che Falcomatà trovi il coraggio di ridere e scherzare mentre tutti i cittadini piangono lacrime amare e sono costretti a convivere con un degrado e un abbandono mai visto prima». Non fa sconti Antonino Minicuci, leader del centrodestra nel lanciare il guanto di sfida al sindaco uscente in vista delle elezioni comunali di domenica e lunedì prossimo. Minicuci, che ha ufficialmente declinato tutti gli inviti rispetto ai dibattiti pubblici con gli altri candidati, ha ricevuto l'endorsement dei quartieri generali di Forza Italia e Lega, radunati - lunedì e martedì - a Piazza Castello. Nella giornata di oggi, il candidato è stato nella zona sud tra Pellaro e Ravagnese.
 
Angela Marcianò prosegue il suo tour nelle periferie: in questi giorni è stata a Gallico superiore, Sambatello, Diminniti, Paterriti, Oliveto, Trunca, Arasì e Saracinello. Una campagna improntata sul voto disgiunto e sulle 100 pagine di programma stilato con professionisti e cittadini che la vedrà protagonista della chiusura della campagna elettorale per ultima a Piazza Duomo, venerdì alle 21.
 
Infine, Fabio Putortì - candidato di Miti/Unione del Sud - invita i cittadini a non farsi abbindolare dalle campagne elettorali «alla Cetto La Qualunque». Il movimento civico punta a entrare in Consiglio comunale.

Articoli Correlati

Genitorialità e lavoro, «sempre più super mamme»

Angela Marcianò, giuslavorista e mamma a tempo pieno, commenta l’anno che è stato tra Smart working e Dad. Pubblichiamo un estratto dell’intervista pubblicata oggi sul numero cartaceo di Avvenire di Calabria

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.