Avvenire di Calabria

L'invito a ripartire dopo il Covid: «Le relazioni strutturano il nostro tessuto umano»

Morrone scrive agli studenti: «Siate costruttori di un mondo umano»

La lettera inviata dal presule reggino in occasione dell'apertura dell'anno scolastico

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L'arcivescovo Morrone scrive agli studenti in occasione dell'inizio dell'anno scolastico. Di seguito proponiamo il testo integrale della lettera inviata oggi.

L'arcivescovo Morrone scrive agli studenti: «Le relazioni strutturano il nostro tessuto umano»

Carissima, carissimo, ciao.

Sono il vescovo di questa splendida diocesi reggina e ti raggiungo con queste brevi righe che spero ti trovino in buona forma.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Non vorrei sbagliarmi, ma tra i volti che in questi giorni abitano il tuo cuore ci sono le amiche e gli amici con i quali finalmente potrai riprendere il cammino scolastico vis à vis, face to face, occhi negli occhi, insomma in presenza.

Il desiderio di vivere insieme, di condividere una comune avventura, è grido insopprimibile dell’anima acutizzato dalla pandemia, segnalandoci che le relazioni sono come l’ordito e la trama che strutturano il nostro tessuto umano, il tuo. Quando queste ci sono negate o vengono meno, inevitabilmente si sfilaccia l’esistenza e si soffre. Non è così?

Domani la grande famiglia Scuola aprirà la sua porta e finalmente potrai ripartire insieme ai tuoi compagni e compagne, ai tuoi docenti e personale scolastico, ma con tutti gli accorgimenti e le attenzioni del caso. Si perché il Covid, in modo drammatico, ci ha insegnato che il sano desiderio delle relazioni interpella la tua libertà, la mia e quella di tutti, che è costruttiva quando si esprime nella responsabilità.

Siamo affidati gli uni altri, non solo ora nel rispetto delle semplici regole sanitarie per il bene di tutti ma, onorando la tua intelligenza, soprattutto nell’impegno e nella passione che metterai nello studio per la tua formazione culturale in vista del compito che svolgerai dove ti troverai a vivere, spero qui nella tua terra. Non poche persone si affideranno alla tua competenza, alla tua cura e sensibilità e potrai gustare la gioia di essere stata/stato protagonista della costruzione di un mondo più bello, più giusto, più autentico, semplicemente umano.

Sogni questo?

Se è così, ti invito a coinvolgere in quest’aspirazione amici e amiche.

Insieme si cammina e si crea meglio.


PER APPROFONDIRE: «Protagonisti del vostro futuro», l’arcivescovo Morrone scrive ai maturandi


Spero di incontrarti in compagnia dei tuoi compagni di scuola per avviare un cammino di conoscenza e intessere un dialogo di amicizia fondato sull’ascolto reciproco.

Salutami i tuoi famigliari, i docenti, i collaboratori scolastici, e anche i preti che insegnano nel tuo istituto.

Se ti fa piacere ti accompagno con la mia preghiera.

Buona ripresa e buon anno scolastico.

Abbi cura di te. Prenditi cura dei tuoi compagni e compagne.

AUGURI!

+ don Fortunato

Articoli Correlati

Settimana sociale diocesi Reggio Calabria - Bova

Settimana sociale, il racconto dei delegati reggini

Tra i 700 delegate e delegati provenienti da tutta Italia, insieme ad un centinaio di vescovi, sacerdoti e laici, e rappresentanti delle istituzioni e politica, anche la delegazione reggina con l’arcivescovo Morrone.

L'impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

L’impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

Conosciamo da vicino le numerose opere della Caritas dislocate sul territorio diocesano di Reggio Calabria – Bova. In particolare, va evidenziato il grande lavoro dei centri d’ascolto della Caritas diocesana che sono tre e con diverse ubicazioni in Città.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.