Avvenire di Calabria

Molto noto il Catechismo che porta il suo nome rivolto alle persone semplici

Oggi la Chiesa festeggia San Pio X, patrono della Fraternità sacerdotale

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi la Chiesa festeggia San Pio X, primo Papa della storia contemporanea a provenire dal ceto contadino. È patrono della Fraternità sacerdotale. A Pio X, a perenne ricordo e gratitudine, è intitolato il Seminario teologico regionale calabro di Catanzaro che fu voluto e finanziato proprio dal Santo Padre. Il problema delle vocazioni ecclesiastiche e dei Seminari fu oggetto delle sollecitudini dell'allora Pontefice.

Oggi la Chiesa festeggia San Pio X, patrono della Fraternità sacerdotale

Giuseppe Melchiorre Sarto (questo il nome di San Pio X) nacque a Riese, nella diocesi di Treviso, il 2 giugno 1835.  Era il secondo di 10 figli. All'età di 9 anni fa alla mamma una cara confidenza: Vuole essere prete! L'inaspettata rivelazione è accolta con un sussulto di gioia e una pena a stento dissimulata. Troppo onore per la famiglia Sarto! Ma, i mezzi? «Occorre confidare - pensò sua madre - se Dio lo vuole sacerdote ci fornirà i mezzi necessari». Alla morte del padre, avrebbe potuto prendere il suo posto di lavoro al Municipio - aveva 17 anni - ma la madre lo aiutò a seguire la sua vocazione, lavorando lei, notte giorno, per sbarcare il lunario. Un amore e una fermezza che non deve aver dimenticato Giuseppe Sarto. Amava studiare, godeva di ottima salute, era bonario e insieme tenace, e la sua vita ricca di opere di carità. Dopo l’ordinazione sacerdotale fu inviato come cappellano nella parrocchia di Tombolo, dove rimase per nove anni; per altri otto svolse il ministero di parroco a Salzano, e successivamente fu nominato canonico e cancelliere della curia vescovile.

Nel settembre del 1884 papa Leone XIII lo nominò vescovo di Mantova. Il 5 giugno 1892 fu chiamato alla sede patriarcale di Venezia e il 3 agosto 1903 fu eletto alla cattedra di Pietro, assumendo il nome di Pio X. È il pontefice che nel Motu proprio “Tra le sollecitudini” (1903) affermò che la partecipazione ai santi misteri è la fonte prima e indispensabile della vita cristiana.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il Catechismo di San Pio X, rivolto ai “semplici”

Molto noto il Catechismo che porta il suo nome, adottato in Italia, con la particolare struttura di “domande e risposte”. Venne pensato proprio per le persone semplici in una società in cui la cultura non aveva ancora permeato tutti gli strati sociali. La preoccupazione di San Pio X era proprio quella di diffondere fra i cristiani, il più possibile, la catechesi. Tra le caratteristiche più note del suo pontificato, oltre a far elaborare un nuovo Catechismo, difese con forza l’integrità̀ della fede cattolica, propose e incoraggiò la comunione eucaristica anche dei fanciulli, avviò la riforma della legislazione ecclesiastica, si occupò positivamente della questione romana e dell’Azione Cattolica, curò la formazione dei sacerdoti, favorì il movimento biblico, promosse la riforma liturgica e il canto sacro.

Al centro del suo Magistero, la preoccupazione pastorale

Al cuore della sua vita e del suo Magistero, la preoccupazione pastorale in una società dove si avvertiva, sempre di più, la crisi della Fede. Un intento sigillato dal motto scelto per il suo Pontificato: Instaurare omnia in Christo, tratto dalla Lettera agli Efesini. Volle vivere da povero: «nato povero, vissuto povero e sicuro di morir poverissimo», lasciò scritto nel suo testamento.

Morì il 21 agosto 1914. Pio XII lo beatificò nel 1951 e lo canonizzò nel 1954. Il suo corpo è venerato nella basilica Vaticana.

Articoli Correlati

Celebrata la giornata regionale del clero

Nei diversi passaggi della sua riflessone il relatore ha evidenziato quattro rischi che compromettono la comunione: mancanza di concordia negli intenti; diffidenza reciproca; incapacità di sopportare i limiti altrui; mancanza dell’arte necessaria per praticare la correzione fraterna.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.