Avvenire di Calabria

Il Santo Padre ha rilasciato una lunga intervista a Radio Cope, l’emittente della Conferenza episcopale spagnola

Papa Francesco spegne i “gossip”: «Mai pensato di dimettermi»

Messe a tacere le speculazioni sul suo pontificato: «Quando un Papa è malato, si alza un vento o un uragano di Conclave».

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Papa Francesco spegne i "gossip": «Mai pensato di dimettermi». La notizia filtra dagli ambienti vaticani in seguito all’intervista che Papa Francesco ha concesso lo scorso weekend a Radio Cope, l’emittente della Conferenza episcopale spagnola. Si tratta della prima intervista dopo l’operazione per stenosi diverticolare, la prima anche ad una radio della Spagna.

Papa: «Mai pensato di dimettermi»

«È naturale» che sulla salute del Papa ci sia una particolare riservatezza, e l'intervento al Policlinico Gemelli era programmato. Lo ha detto Papa Francesco in un'intervista alla radio spagnola Cope. «Era tutto programmato», ha sottolineato, «dopo l'Angelus sono partito immediatamente,all'incirca all'una. Alle 3,30 è stato fatto sapere, quando io ero già in fase preparatoria».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Nell'intervista si affrontano le speculazioni sulla salute del Pontefice e persino sulle sue possibili dimissioni. Alle quali Francesco replica: «Quando un Papa è malato, si alza un vento o un uragano di Conclave».
Il Pontefice, 84 anni, è stato operato il 4 luglio al Policlinico Gemelli per una stenosi diverticolare con segni di diverticolite sclerosante, intervento in cui gli è stata rimossa una sezione del colon, rimanendo ricoverato per 10 giorni.


PER APPROFONDIRE: Il Papa operato al Gemelli, il ritorno e l'inizio delle udienze


Tanti i temi affrontati. Dall'operazione al colon, subita il 4 luglio scorso al Policlinico Gemelli, e le sue attuali condizioni di salute, alla crisi in Afghanistan e la preoccupazione per la popolazione.

Poi il dialogo con la Cina, il punto di vista su eutanasia e aborto, entrambi simboli di quella «cultura dello scarto» da sempre denunciata, il maxi processo in Vaticano e, infine, le sfide del suo pontificato come la riforma della Curia e la lotta a corruzione e pedofilia. Pontificato che, giunto quasi al nono anno, contrariamente a presunte indiscrezioni circolate su media italiani e argentini, non si interromperà prima del previsto: «Non mi è mai passato per la testa di dimettermi».

Articoli Correlati

La Chiesa di Reggio Calabria ha celebrato la sua assemblea diocesana

La Chiesa di Reggio Calabria ha celebrato la sua assemblea diocesana

La Chiesa reggina si è riunita in Cattedrale: l’avvio dell’anno pastorale è stato caratterizzato da una riflessione sul cammino sinodale. Monsignor Savino cita don Tonino Bello: «Il Sinodo deve elaborare una visione. Non possiamo andare avanti con metodi scontati».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.