Avvenire di Calabria

«In Calabria l’omofobia non esiste» Klaus Davi conferma che la legge sull’omofobia «Zan-Scalfarotto» è inutile dice l'associazione

ProVita & Famiglia a sostegno dell’intervento di Davi

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Siamo grati a Klaus Davi per le sue recenti parole di verità espresse sui periodici “Stop” e “Donna Top” nei quali ha dichiarato che «Per quanto riguarda la mia stretta esperienza personale, in Calabria l’omofobia non esiste assolutamente». Sono anni che cerchiamo di combattere il vero stereotipo che resiste, ovvero quello che dipinge i calabresi e gli italiani come dei bifolchi arrecando un grave danno d’immagine all’intera collettività ed avallando una tesi razzista ma al contrario. Tesi “lombrosiane” ed offensive che trovano smentita non solo nell’esperienza personale del noto massmediologo, ma anche nei dati del dell’Oscad (ente del Ministero degli Interni che monitora le discriminazioni) il quale rileva appena una quarantina di segnalazioni omofobiche all’anno. Sono questi numeri deplorevoli ma che non giustificano alcuna emergenza da affrontare con leggi speciali.

Nonostante la realtà descritta sia così evidente, tanto che lo stesso Klaus Davi ha aggiunto che «se pensiamo che il Sud ha già eletto due governatori gay, capiamo bene che i meridionali sono molto più avanti di come li vogliono descrivere», in Parlamento è in approdo il ddl Zan-Scalfarotto. Tale disegno di legge, sulla carta si propone di contrastare l’omofobia con pene fino a sei anni di carcere per far fronte ad un’emergenza che a quanto pare in Italia non esiste, di fatto però, il ddl si pone come un pericoloso bavaglio per la libertà di espressione.

Attraverso questa legge, infatti, si introduce nel sistema penale italiano un nuovo reato, quello di omofobia appunto, senza però definire in cosa consista, addirittura si potrebbe configurare come “odio” e “violenza” la critica a modelli sociali e a statuti antropologici come l’utero in affitto o l’adozione di bambini a coppie dello stesso sesso. Notoriamente, al venir meno della certezza del diritto e della correlazione regola-sanzione, si apre la strada all’esercizio arbitrario delle “interpretazioni” e, quindi, delle sanzioni solo per i presunti “nemici” od “oppositori”. Tutto ciò rappresenta una dinamica storicamente utilizzata per insediare logiche di potere totalitario e dittatoriale, ed è per questo in tutta Italia, per contrastare il ddl Zan-Scalfarotto, continua la campagna #RestiamoLiberi.

Articoli Correlati

Aiuti alle donne che non abortiscono. E partono le polemiche

Bonus di 160 euro al mese per 18 mesi: il Consiglio comunale di Iseo (Brescia) approva la mozione, l’opposizione esce dall’aula. La senatrice Cirinnà (Pd): «Attacco alla libertà delle donne». Esperienze in tal senso ne esistono già.

Klaus Davi-shock: ad Arghillà voti in vendita per 100 euro

Il massmediologo dorme in tenda, mentre il sindaco uscente prosegue il suo viaggio in Città: inaugurato il primo bus per Paterriti e il centro per persone down in Via Palmi. Lontano dai riflettori le ultime battute di Pino Siclari (PCL).

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.