Avvenire di Calabria

Passi in avanti sul fronte della gestione sostenibile della raccolta differenziata in riva allo Stretto

Raccolta differenziata, l’Istat promuove Reggio Calabria

Luigi Iacopino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Reggio Calabria fa passi avanti sul fronte della gestione sostenibile della raccolta differenziata, distinguendosi insieme ad altri comuni tra i quali Monza, Perugia, Trento e Forlì. A rivelarlo ancora una volta è l’Istat che non più tardi di ieri, in materia di protezione ambientale, ha messo in evidenza come la città in riva allo stretto sia “tra i comuni maggiormente colpiti del fenomeno dell'incendio boschivo ad opera di ignoti”.

Secondo quanto emerge dal Report “Raccolta differenziata dei rifiuti: comportamenti e soddisfazione dei cittadini e politiche nelle città”, che valuta l’arco temporale che comprende gli anni 2016-2017, sono complessivamente dieci “i capoluoghi più virtuosi, che raccolgono le 7 tipologie di rifiuti prese in considerazione in tutte le proprie unità locali” e , tra questi, “si distinguono in modo particolare Reggio di Calabria (54 unità locali), Monza, Perugia, e Trento, con oltre 40 unità locali, e Forlì (39 unità locali)”.

L’attenzione delle amministrazioni comunali è diretta in particolar modo alle politiche di prevenzione, riduzione e riciclo dei rifiuti urbani, quindi al fenomeno della raccolta differenziata che risulta in “rapida evoluzione”, e alle iniziative per favorirne il corretto conferimento. Se, tuttavia, le campagne di sensibilizzazione in tema di prevenzione sono diffuse quasi uniformemente in tutto il territorio, “la pratica dei mercatini dell'usato” è diffusa soprattutto nel Centro-Nord, dove i mercatini sono presenti in oltre il 50% dei comuni capoluogo, mentre “nel Mezzogiorno risultano presenti nel 24% dei comuni, tra cui Bari e Catania”.

Dall’indagine condotta dall’Istituto Nazionale di Statistica è emerso, infine, che “nel 2016 sono numerose le iniziative messe in atto dalle città per incentivare la collaborazione attiva degli utenti”, tra cui il servizio di ritiro su chiamata dei rifiuti ingombranti e di altre tipologie di rifiuto e gli interventi di raccolta dei rifiuti abbandonati, il servizio di raccolta porta a porta e la presenza di isole ecologiche. Un impegno maggiore, invece, dovrebbe essere indirizzato rispetto all’utilizzo delle “isole ecologiche mobili” e all’impiego “di modalità di raccolta volte all'applicazione della tariffa puntuale”, in modo da tenere conto delle quantità effettivamente conferite dagli utenti.

Articoli Correlati

covid in Calabria

Covid in Calabria, aumentano i contagi: il bollettino

Di nuovo in salita il numero dei contagi registrato in Calabria. Sale anche il tasso di positività nelle ultime 24 ore. Ma cresce anche il numero dei tamponi effettuati, rispetto allo stesso periodo clou della pandemia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.