Avvenire di Calabria

Meridione e mobilità sono stati annunciati come punti cardine dei fondi straordinari. Dagli atti non emerge lo scatto in avanti atteso dai cittadini

Recovery Fund, Calabria tradita sui trasporti

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Lo hanno propinato in tutte le salse: il Recovery Fund ridisegnerà il volto del Paese. In verità - al momento - è servito per rispolverare la “rottamazione” con l’addio di Giuseppe Conte (l’uomo dei 209 miliardi dall’Europa, ora diventanti 224) e l’incarico a Mario Draghi, l’italiano che salvò l’Euro.

Uscendo dalla dinamiche politiche - che, però, oggi determinano la vera variabile impazzita - dobbiamo concentrarci sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) che è “la lista della spesa” che l’Italia presenterà all’Europa. Tra questi desideri, per rilanciare il Belpaese, una larga fetta è destinata alle infrastruttu- re «per una mobilità sostenibile » pari a 31,9 miliardi di euro. Inoltre, il Piano individua tre priorità trasversali, che sono parità di genere, giovani e Sud e riequilibrio territoriale.

Insomma, tutto lascerebbe presagire in undoveroso cambio di ritmo per le infrastrutture e i collegamenti tra la Calabria e il resto del Paese e dell’Europa. Anche perché quest’estate l’ormai ex responsabile del Mit, il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli aveva annunciato «4,1 miliardi per la Calabria». Un investimento mai visto prima: il Governo che stanzia per la regione più povera d’Italia oltre il 10% delle risorse destinati all’intera mobilità nazionale.

Il passaggio dalle parole ai fatti, però, cela un disimpegno del Governo. «Il Pnrr – ha spiegato l’assessore regionale ai trasporti, Mimma Catalfamo – prevede investimenti per una Alta velocità di rete per la velocizzazione della Napoli- Salerno-Reggio Calabria e l’upgrading ed elettrificazione della linea Ionica Sibari-Catanzaro Lido-Reggio Calabria che, tra l’altro, in parte risultavano già finanziati. La carenza di indicazioni, tra l’altro, si collega in maniera evidente allo studio di fattibilità che, sulla base degli annunci del Mit, discordanti dalle notizie fornite da Rfi, doveva essere pronto per fine novembre e che la Regione Calabria sta ancora attendendo di esaminare nonostante le reiterate richieste. Lo studio non c’è ancora ma le scelte vanno avanti». «Anche gli interventi del progetto Green Port – ha proseguito Catalfamo – non riguardano la Calabria e si concentrano sulle nove Autorità di sistema portuale nel Centro-Nord. Non ci sono interventi per il porto di Gioia Tauro, tra i più importanti al mondo».

«Non ci sono interventi specifici – ha aggiunto ancora – per gli aeroporti in generale – per i quali sembra essere prevista la sola digitalizzazione – mentre è ormai evidente da anni l’impossibilegestibilità economica degli aeroporti minori.Non c’è la realizzazione del Ponte sullo Stretto, rivendicato dalla Calabria e anche dalla Sicilia su tutti i tavoli istituzionali

perché ritenuto infrastruttura necessaria per garantire il collegamento tra l’Europa e il Mediterraneo. Purtroppo, come per l’Av ferroviaria, anche questa assenza era ampiamente prevedibile se non addirittura preannunciata dal Mit».

Nessuna indicazione per la SS106, detta la Statale della morte in virtù del rischio altissimo di incidenti lungo il percorso che congiunge tutta la jonica calabrese, né dei tre aeroporti e men che meno del sistema ferroviario.

Come investimento sicuro, in fondo, resta lei. L’immarcescibile Salerno-Reggio Calabria. Seppure sono negli occhi di tutti i calabresi le immagini dei politici in elmetto (giallo-Anas) per “l’inaugurazione” dell’ex A3 (oggi si chiama A2, autostrada del Mediterraneo), è dato per scontato che altri milioni verranno investiti nell’autostrada più costosa della storia.

Ora la palla passa al premier incaricato Draghi. D’altronde secondo il rottamatore Renzi «per riscrivere un Pnrr decoroso bastano tre giorni». Staremo a vedere.

Articoli Correlati

Giorgia Meloni agita le regionali in Calabria

Giorgia Meloni agita le regionali in Calabria

L’affaire Rai spacca la coalizione: Giorgia Meloni mette ufficialmente in mora il centrodestra: «Occhiuto? Regole saltate». Riscalda i motori Wanda Ferro. Nel centrosinistra, c’è anche Oliverio.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.