Avvenire di Calabria

La denuncia arriva da una delle strutture che accoglie minori in difficoltà e bambini disabili della città calabrese dello Stretto

Reggio senza più centri diurni, Nucera: «È l’ecatombe dei servizi sociali»

Il presidente della Coop reggina: «Penalizzati dal nuovo regolamento regionale e insensibilità istituzionale»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Chiuso fino a data da destinarsi» si legge sulla saracinesca abbassata di uno dei già non molti centri diurni della città di Reggio Calabria che accolgono minori con difficoltà o bambini disabili. È l'effetto, a quanto pare, del nuovo regolamento regionale che penalizzerebbe le strutture e, di conseguenze, i servizi indispensabili erogati. La denuncia della Coop "Libero Nocera".

Reggio Calabria non ha più strutture che possano accogliere minori con difficoltà e minori disabili. Da venerdì 1 luglio, a causa di un nuovo regolamento regionale, «la nostra città perde fondamentali strutture che fino ad oggi erogavano servizi di assistenza sociale ai minori». È quanto denuncia Gaetano Nucera, presidente della Cooperativa Sociale “Libero Nocera” di Reggio Calabria, il quale – già nei mesi scorsi – ha più volte denunciato l'assenza dei centri diurni e raccolto il grido di denuncia e di dolore di alcuni rappresentanti della categoria.

Reggi Calabria senza più centri diurni, la denuncia e lo sfogo

«L'assessore Delfino ha affermato che “c'era un modus operandi” ma queste dichiarazioni hanno un sapore dispregiativo e non fanno comprendere la realtà virtuosa che invece si era creata. Delfino non dice che c'era un modello di gestione dei centri diurni che può tranquillamente definirsi un “modello”. Il nostro modello si è imposto per la qualità del servizio. Si può discutere sui requisiti strutturali, ma non sul modo di operare all'interno dei centri perché sotto l'aspetto organizzativo funzionava tutto molto bene, talmente bene che veniva invidiato».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«Le lunghe le liste d'attesa per entrare ed usufruire dei nostri servizi ne sono la testimonianza. - continua Nucera - Si è voluto demolire questo modello creato da oltre vent'anni. Secondo questi soloni un bambino con disabilità dovrebbe uscire al mattino alle 7:30 per andare a scuola e dopo la scuola dovrebbe entrare in un centro diurno per poi tornare a casa alle 21:00. Così facendo lo distaccheremmo per 13 ore dalla famiglia. Non vivrebbe più il rapporto familiare e la affettività genitoriale. Il regolamento è stato scritto da soggetti che non conoscono la realtà dei servizi assistenziali e va cambiato al più presto».

«Noi avevamo lanciato l'allarme da subito», ricorda ancora il presidente della Coop “Libero Nocera”. «Avevamo paventato che se non si sarebbe intervenuti da subito per modificare alcuni aspetti strutturali e organizzativi saremmo andati incontro ad una ecatombe dei servizi sociali a Reggio Calabria, non ci hanno ascoltato è questo è il risultato».


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Un nuovo centro aggregativo nel quartiere reggino di Modena


«Appare infine preoccupante il silenzio dei rappresentanti del forum terzo settore. Forse – conclude Nucera –  hanno sottovalutato e non hanno compreso la portata e la gravità che questo regolamento avrebbe comportato per i servizi sociali a Reggio Calabria sia dal punto di vista organizzativo che strutturale».

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.