Avvenire di Calabria

"Nessuno si salva da solo", la testimonianza inviata dall'arcivescovo Santo Marcianò, ordinario militare per l'Italia

Rinnovamento nello Spirito Santo, messaggio di monsignor Marcianò

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nell’ambito della 44a Conferenza nazionale (on line) degli animatori del Rinnovamento nello Spirito Santo, che si è conclusa nella giornata di ieri, un messaggio-testimonianza è stato inviato dall’arcivescovo Santo Marcianò, Ordinario militare per l’Italia.
Eccolo di seguito:

«Ci sono due modi di vivere la vita – diceva lo scienziato Albert Einstein - come se nulla fosse un miracolo o come se tutto fosse un miracolo»! Stiamo attraversando il buio di una pandemia, esperienza sconosciuta alla nostra generazione e alle nuove generazioni. Stiamo sperimentando la debolezza in sfumature inedite, quantomeno per i Paesi ricchi. Sì, perché i popoli più poveri tante fragilità già le vivevano, tra l’indifferenza del mondo. La debolezza, certamente, coglie in modo particolare chi, come me e più di me, ha vissuto o vive in prima persona la malattia da Coronavirus, con i suoi sintomi spiazzanti, il pensiero della morte, la paura di contagiare gli altri, l’isolamento che ne consegue… La debolezza coglie le famiglie che a volte faticano a stare insieme, i ragazzi che faticano a imparare, gli anziani che faticano a sentirsi dimenticati… La debolezza coglie il sistema socio economico di un mondo globalizzato ma non unito, di un lavoro troppo privo di dignità e sicurezza, di leggi tese a favorire interessi privati e diritti secondari di pochi scartando i più deboli e poveri… La debolezza coglie la stessa scienza, la medicina, che a volte sembra quasi annaspare… E la debolezza, forse, coglie anche la nostra fede. Come vedere il miracolo? Eppure il miracolo è lì, perché, se ci pensiamo bene, solo la debolezza ne è il presupposto. La forza, l’autoreferenzialità, l’autosufficienza umana non vede il miracolo, non lo invoca. Noi invece sì. Voi invece sì! Lo invocate aprendovi, nella debolezza, ad essere strumenti di «consolazione» e di «compassione»; ad essere «fratelli». Sì, cari amici del Rinnovamento. Il miracolo della fraternità ci fa uscire dalla pandemia, perché trasforma la debolezza della malattia in cura e condivisione, la debolezza delle famiglie in vicinanza e educazione, la debolezza dell’economia in solidarietà e giustizia, la debolezza della scienza in intuizione e ispirazione, la debolezza della fede in comunione e adorazione... Tutto solo per amore. Tutto, perché «nessuno si salva da solo». Lo Spirito Santo vi doni di capirlo, in questi giorni, e di testimoniarlo al mondo. E tutto, anche la pandemia, sarà un miracolo. Amen! Vi benedico.

 

 

Articoli Correlati

Donne e Chiesa, Lucia Vantini: «Serve più ascolto»

La teologa Vantini giovedì sarà a Reggio in occasione della seconda assemblea diocesana convocata dall’arcivescovo Fortunato Morrone. Interverrà sul rinnovato protagonismo femminile all’interno della Chiesa cattolica. Abbiamo anticipato alcuni temi del suo intervento. Vi proponiamo qui l’intervista rilasciata ad Avvenire di Calabria.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.