Avvenire di Calabria

Quattro i percorsi attivi avviati già in occasione dell'evento ospitato nell'ottobre 2021 a Taranto

Settimana sociale, l’impegno dei giovani del Manifesto dell’Alleanza

Luna-Navarro (Manifesto Alleanza): «Abbiamo deciso di lavorare insieme a iniziative concrete su alcune tematiche di importanza rilevante»

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continua l’impegno dei giovani che a Taranto, nel corso della 49ª Settimana sociale dei cattolici italiani, hanno proposto e firmato il “Manifesto dell’Alleanza”.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Sono quattro i percorsi attivi: transizione ecologica (alleanze ambientali), rigenerazione del business, rigenerazione delle comunità locali e infine educazione e cultura sociale. Crocevia del primo percorso, dedicato alla transizione ambientale, sarà l’appuntamento su Zoom di giovedì 24 febbraio, alle 21, aperto a tutti i giovani dai 18 ai 35 interessati a lavorare nelle proprie comunità e nei propri territori per la transizione ambientale ed energetica. Per partecipare all’incontro si può inviare una mail all’indirizzo alleanzeambientali@gmail.com.

Manifesto dell'Alleanza, giovani al lavoro

«Perché la Settimana sociale di Taranto non rimanga solo un evento – spiega Alessandra Luna-Navarro, componente del gruppo dei giovani del Manifesto dell’Alleanza – abbiamo deciso di lavorare insieme a progetti concreti». “Dobbiamo accelerare la transizione ecologica e ambientale», prosegue, annunciando che «per questo stiamo creando modelli dal basso verso l’alto per lavorare a livello locale».

Due i livelli su cui i giovani sono al lavoro. Il primo, più programmatico, verte sulla produzione di strumenti per attuare alleanze replicabili nei diversi territori. Il secondo, più concreto e operativo, è fatto di proposte concrete che sono già in essere.

Tra i nove progetti ci sono la «Mappatura delle buone pratiche ambientali ed energeticamente efficienti nei singoli territori», la «Sensibilizzazione, informazione e formazione alla transizione ambientale ed energetica nel concreto della realtà locale di appartenenza» e l’«Attivazione di un’alleanza tra municipi, associazioni di quartiere, imprese e università per creare un sistema crowd-sourcing di monitoraggio ambientale a basso costo per conoscere la qualità ambientale e sociale del territorio e migliorarne la vivibilità».

Si lavorerà anche per la realizzazione di vademecum sul consumo sostenibile e l’economia circolare, per la creazione di una “toolbox” con strumenti da mettere a disposizione dei territori per la rigenerazione delle comunità, per l’organizzazione di workshop, interviste, case studies e buone pratiche per rigenerare le comunità locali.


PER APPROFONDIRE: Nuovi poveri a Reggio Calabria, tantissimi sono “ex” precari


È possibile partecipare ai progetti di alleanza per rigenerare le comunità locali iscrivendosi al gruppo WhatsApp dedicato.

Articoli Correlati

Oggi è la festa dell’Assunta: ecco cosa si celebra

Ferragosto, apice dell’estate, è in realtà una solennità molto sentita dai cristiani. Si tratta di una fra le più antiche feste mariane. La Vergine Assunta, recita il Messale romano, è primizia della Chiesa celeste