Avvenire di Calabria

Un ruolo delicato: da un lato la necessità di ''esserci'' dall’altro la capacità di distinguersi

Social media cattolici: «Testimoni credibili nell’arena virtuale»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Mariangela Parisi * -  «La sfida che ci attende è dunque quella di comunicare incontrando le persone dove e come sono». Il Papa ha concluso con queste parole il suo ultimo messaggio per la Giornata delle comunicazioni sociali aperto con l’invito all’andare a vedere, a toccare con mano per poter essere operatori di una comunicazione limpida ed onesta. Parole che interpellano tutti, e in particolare le redazioni dei giornali diocesani, le cui penne sono chiamate ad essere testimoni della buona novella attraverso l’interpretazione e la narrazione della vita che accade sui propri territori di riferimento. Una vita che è fatta di vite, tutte quasi con prolungamento nella realtà virtuale dei social. La sfida che attende le redazioni dei giornali diocesani si può quindi dire sia una doppia sfida: le persone da incontrare infatti sono non solo in luoghi fisici ma anche virtuali, non per questo meno reali, meno complessamente reali. E in questi luoghi, come non può esimersi dall’esserci la Chiesa, non può non esserci l’impegno giornalistico delle redazioni diocesane: esserci per condividere la vita delle chiese locali, presentandola in quella bellezza integrale e originale spesso ignorata o tradita da altra narrazione giornalistica; esserci per dare voce agli ultimi, non per sfruttare l’onda emozionale dello loro storie - per un follower in più ma per contribuire a ricucire ferite sul volto della giustizia sociale; esserci per stimolare il pensiero critico e il dialogo, trasformando i propri profili social in agorà virtuali nelle quali aprire confronti da continuare in agorà fisiche; esserci per promuovere letture del reale non appiattite sul presente ma che sanno di futuro e speranza, anche quando i fatti narrati sono dolorosamente incomprensibili; esserci per capire lepersone lì, in quei nuovi luoghi del reale, lì dove ci sono nuovi “dei ignoti” e altrettanto desiderio di infinito davanti ai quali fermarsi per svelarne volto e origine; esserci per essere, anche lì, a servizio della veritàattraverso il confronto con le culture. Il tutto in una dialettica tra locale, nazionale e globale. E con l’obiettivo di tradurre il confronto iniziato sui social in confronto dal vivo, in invito accettato al “vieni e vedi”. Perché ogni presenza ecclesiale sui social non può nascere per restare virtuale, essa nasce come presenza fisica che non può che essere fonte e culmine di ogni azione comunicativa, soprattutto di un giornale diocesano che è espressione di una vivente comunità cristiana.

* In Dialogo - Nola

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.