Avvenire di Calabria

La denuncia dell'ingegnere Fabio Pugliese fondatore ed ex presidente dell'Associazione Basta Vittime sulla Statale 106

Statale 106, una “strage” senza fine: da gennaio 18 vittime

L'autore di "Ecco chi è Stato": «Possibile che nessuno di decide a realizzare una sicura e moderna strada a quattro corsie come nel resto d'Italia?»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Una strage senza fine», inizia così l'ennesima denuncia di Fabio Pugliese, ingegnere e fondatore (oltre che ex presidente) dell'associazione "Basta Vittime sulla Statale 106", da anni impegnato in numerose battaglia, insieme ad enti e altre realtà associative del territorio, per la messa in sicurezza della famigerata «statale della morte»

«Una strage senza fine ed una strada (la Statale 106) che continua a mietere vittime, senza che le istituzioni si domandino se queste tragedie possano essere evitate». Lo sfogo dell'autore di "Ecco chi è Stato" arriva ancora una volta via social, dopo gli ultimi due incidenti registratisi a Cirò Marina in cui hanno perso la vita due giovani: Antonio Francesco Dati e Cataldo Francesco De Novaro.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Da inizio anno, in appena 7 mesi, sono state 18 le vittime provocate da incidenti stradali lungo la pericolosa e trafficata arteria che collega Reggio Calabria a Taranto, attraversando l'intera fascia ionica calabrese.

Spesso alla base dei gravi incidenti mortali c'è l'altra velocità. Tuttavia per larghi tratti la Statale 106 è ancora una strada obsoleta, priva dei più basilari dispositivi di sicurezza attiva e passiva, tali da contenere o scongiurare incidenti mortali, in altri casi evitabili.


PER APPROFONDIRE: Statale 106, per il Governo è una priorità


«Possibile mai che nessuno si decide a realizzare una sicura e moderna strada a quattro corsie come esiste in tutte le altre regioni d’Italia. Alla politica (a quella calabrese in particolare), spetta invece un esame di coscienza: 18 vittime sulla “strada della morte” nel 2022… Non ci sono parole e neanche giustificazioni a questa strage di Stato». Queste le parole di Pugliese, nell'esprimere la propria vicinanza alle famiglie delle due giovani vittime della Statale 106.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.