Tendopoli di San Ferdinando, il Medu: «Cambiato davvero poco» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

L'associazione dei Medici per i diritti umani sottolinea che per il quinto anno consecutivo l'emergenza permane

Tendopoli di San Ferdinando, il Medu: «Cambiato davvero poco»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

"Per il quinto anno consecutivo dobbiamo purtroppo constatare che sull'emergenza profughi e stagionali di San Ferdinando ben poco e cambiato". Lo ha detto Jennifer Locatelli, coordinatrice e autrice del Rapporto sulle condizioni di vita e di lavoro dei braccianti stranieri nella Piana di Gioia Tauro realizzato da Medu, Medici per i diritti umani. Il rapporto, presentato a Reggio Calabria, nasce dall'esperienza condotta negli ultimi cinque anni a favore dei lavoratori migranti. Sono 3.500 le persone, distribuite in vari insediamenti e utilizzate come manodopera a basso costo dai produttori di arance, clementine e kiwi. La maggior parte si concentra a San Ferdinando dove permangono gravi carenze igienico sanitarie a livello abitativo e di sicurezza. "Nel lavoro - ha aggiunto Locatelli - se anche si registra un lieve incremento delle regolarizzazioni, che raggiunge appena il 30% del totale, non vengono sempre rispettati i più elementari diritti ed è spesso a rischio anche la stessa paga".

Articoli Correlati

A Bagaladi si celebra il coraggio delle donne migranti

In occasione dell’8 marzo appena trascorso, presso il Centro “Suor Teresilla”, la Cisme ha organizzato un incontro formativo per le beneficiarie al fine di promuovere l’integrazione e favorire il dialogo tra culture.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.