Avvenire di Calabria

Il cambiamento climatico impone nuove misure di prevenzione, specialmente per i lavoratori più a rischio dello «stress termico ambientale»

Troppo caldo, lavoro vietato nei campi: ordinanza di Spirlì

Per questo motivo, la Regione Calabria ha intrapreso - dopo la Puglia - un'iniziativa volta a tutelare la salute dei lavoratori dell'agricoltura

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Troppo caldo, lavoro vietato nei campi: ordinanza di Spirlì. A seguito dell'eccezionale ondata di caldo un'ordinanza regionale vieta il lavoro agricolo all'esterno nelle ore più calde della giornata per evitare esposizioni prolungate al sole 

Troppo caldo, lavoro vietato nei campi

Dopo la Puglia, anche la Calabria vieta il lavoro nei campi nelle ore più calde. Il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì, infatti, ha firmato una nuova ordinanza. "È vietato – è scritto nell’ordinanza – il lavoro in condizioni di esposizione prolungata al sole, dalle 12.30 alle ore 16 con efficacia immediata e fino al 31 agosto prossimo, sull’intero territorio regionale". 

Nel provvedimento si considera che "l’eccezionale ondata di caldo, caratterizzata da fasi in cui le temperature risultano particolarmente elevate, rendono rischioso lo svolgimento dell’attività lavorativa". Viene inoltre sottolineato che "il lavoro nel settore agricolo è svolto essenzialmente all’aperto, senza possibilità per i lavoratori di ripararsi dal sole e dalla calura nei momenti della giornata caratterizzati da un notevole innalzamento della temperatura".

La mappa del rischio

La mappa del rischio è indicata sul sito www.worklimate.it riferita a: “lavoratori esposti al sole” con “attività fisica intensa” ore 12:00, segnali un livello di rischio “Alto”. In questa categoria rientrano i braccianti agricoli

Secondo recenti stime, circa il 30% della popolazione mondiale è attualmente esposta a condizioni di caldo particolarmente critiche per la salute per almeno 20 giorni all’anno e tale percentuale è destinata ad aumentare nei prossimi anni anche se le emissioni di gas serra tenderanno a ridursi.

Articoli Correlati

Un francobollo commemorativo per Jole Santelli

Un francobollo commemorativo per Jole Santelli

La data di emissione è il prossimo 15 ottobre, giorno del primo anniversario della scomparsa della governatrice Jole Santelli. È stata la prima donna in Calabria a essere eletta presidente di Regione.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.