Avvenire di Calabria

Il vescovo di Rossano-Cariati ha fatto visita al carcere locale trascorrendo un'intera giornata in compagnia del personale in servizio e non solo

Il vescovo di Rossano ha incontrato i detenuti del carcere locale

Il suo saluto ai detenuti è stato un segno di attenzione che monsignor Maurizio Aloise ha voluto dedicare alla comunità dell'Istituto penitenziario

di Piero Frizzarin *

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Li ha salutati uno ad uno, entrando nelle loro celle: il vescovo di Rossano-Cariati ha fatto visita al carcere locale. Un segno di attenzione che monsignor Maurizio Aloise ha voluto dedicare alla comunità dell'Istituto penitenziario.

Carcere, la visita del vescovo di Rossano

Alla vigilia dell’inizio della Settimana Santa, l'arcivescovo Maurizio Aloise ha vissuto una intensa giornata all’interno del carcere di Corigliano Rossano, iniziata al mattino e che si è conclusa a sera.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Accompagnato dal segretario don Domenico Simari, dal cappellano della Casa di Reclusione don Piero Frizzarin, dalla volontaria Caritas Gabriella Latorre, dalla Direttrice della CR Dr.ssa Maria Luisa Mendicino, dalla comandante della Polizia Penitenziaria Dr.ssa Elisabetta Ciambriello e dagli agenti della Polizia Penitenziaria che di volta in volta si sono succeduti nelle diverse Sezioni del carcere, l’arcivescovo è passato di cella in cella, a visitare ogni singolo detenuto.

È entrato nelle celle, a tutti ha dato la mano, con ognuno ha interloquito con semplicità informandosi della loro vita, delle loro famiglie, dei loro paesi di origine. Ha ascoltato le loro gioie, i loro dispiaceri, le paure e le preoccupazioni. A tutti ha trasmesso speranza, vicinanza, solidarietà, volontà di essere loro accanto in questo cammino difficile che li aspetta. A tutti ha donato la sua benedizione.

All’interno di una cella un detenuto gli ha consegnato una sottoscrizione dei detenuti, con la quale si chiede di devolvere alla Caritas Ucraina il corrispettivo in denaro col quale ogni anno la diocesi regalava loro colombe e uova pasquali. Al termine della visita si leggeva nei volti dei reclusi la gioia di essere stati, per un giorno, al centro della Chiesa di Rossano Cariati. Ora tutti i detenuti di sanno di avere nell’arcivescovo Aloise un compagno di viaggio, che li tiene per mano e sul quale possono contare durante la vita penitenziaria.


PER APPROFONDIRE: La denuncia della Garante: «Nel carcere di Arghillà c’è un solo medico»


Durante la pausa pranzo monsignor Aloise è stato invitato dagli agenti di Polizia Penitenziaria a fermarsi a pranzo con loro. Ha condiviso la loro vita, la loro semplicità, le loro conquiste frammiste a fatiche e sofferenze. Al termine non ha mancato di dare loro la sua benedizione rivolgendosi anche alle famiglie di ciascuno. Al momento dei saluti sul volto di tutti si leggeva la gioia di aver seminato speranza.


* Cappellano carcere Corigliano Rossano

Articoli Correlati

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.

Oggi è la festa dell’Assunta: ecco cosa si celebra

Ferragosto, apice dell’estate, è in realtà una solennità molto sentita dai cristiani. Si tratta di una fra le più antiche feste mariane. La Vergine Assunta, recita il Messale romano, è primizia della Chiesa celeste