Avvenire di Calabria

Una delegazione di 50 volontari italiani è arrivata ieri pomeriggio a Mykolaiv in Ucraina

Ucraina, cinquanta volontari italiani arrivati ieri a Mykolaiv

Si tratta della terza carovana della pace organizzata dal cartello di associazioni #stopthewarnow.

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una delegazione di 50 volontari italiani è arrivata ieri pomeriggio in Ucraina. Si tratta della terza carovana della pace organizzata dal cartello di associazioni #stopthewarnow.

Ucraina in arrivo cinquanta volontari italiani

«Abbiamo dovuto affrontare un viaggio estremamente difficile per arrivare nella città sotto assedio, con la popolazione allo stremo della fame e della sete. Per questo gli abitanti della città ci avevano chiesto aiuti umanitari necessari per sopravvivere. Oggi sono stati bombardati i silos di grano nel porto di Mykolaiv, nel distretto di Korabelny, alle porte sud della città.

Da due giorni sono in corso pesanti combattimenti sulla linea del fronte 10 km a sud. Ieri è stato attaccato il ponte che collega Odessa a Mykolaiv, la strada che abbiamo dovuto percorrere». Spiega Gianpiero Cofano, uno degli organizzatori dell'iniziativa, nonché segretario generale della Comunità Papa Giovanni XXIII.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«Con la nostra presenza – continua Cofano – intendiamo portare semi di pace. Non siamo negoziatori, non risolveremo il conflitto ma vogliamo, concretamente, essere al fianco delle vittime innocenti di questa guerra, stringere le loro mani, abbracciarle, piangere e pregare. Al loro fianco».

«A Mykolaiv abbiamo scaricato una parte degli aiuti umanitari alla Caritas locale ed una parte ad un centro che ogni mese fornisce da mangiare a 10mila persone. Abbiamo inoltre dotato di un dissalatore, frutto delle donazioni che la rete di StopTheWarNow ha organizzato nei mesi scorsi, per risolvere il grande problema di accesso della popolazione ad acqua pulita», spiega Alberto Capannini di Operazione Colomba, il corpo civile di pace presente in Ucraina dall'inizio della guerra.

Tra i partecipanti alla carovana vi è Monsignor Giovanni Ricchiuti, vescovo di Altamura e presidente di Pax Christi, in rappresentanza dei Vescovi italiani.


PER APPROFONDIRE: Ucraina, Savino (Cei): «Nel bunker abbiamo pregato per la pace»


#Stopthewarnow è una rete di oltre 175 associazioni, movimenti ed enti italiani tra cui la Comunità Papa Giovanni XXIII, Pro Civitate Christiana, CGIL, Focsiv, Aoi, Rete italiana Pace e Disarmo, Libera contro le mafie, Nuovi Orizzonti, ARCI, Legambiente, Focolarini, Mani Tese, Un ponte per. Una prima carovana della pace si è tenuta il 1 Aprile scorso a Leopoli, dove hanno partecipato 221 persone che hanno portato aiuti umanitari, incontrato la società civile ucraina ed al ritorno hanno evacuato 300 persone fragili e disabili. Da allora sono stati organizzati numerosi viaggi umanitari promossi dalle associazioni italiane. Una seconda carovana si è tenuta a fine giugno.

Articoli Correlati

papa minaccia nucleare

Le parole di papa Francesco sulla minaccia nucleare

Durante l’udienza dedicata a ripercorrere il suo viaggio in Kazakistan, il Papa ha sottolineato come il Paese asiatico abbia fatto “scelte molto positive”, come quella di dire “no” alle armi nucleari.