Avvenire di Calabria

In Calabria, una norma stata è inapplicata dall'inizio del nuovo millennio: si tratta della 328 del 200

Welfare, Regione rinvia attuazione di una legge di 19 anni fa

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continuano i disagi nel Terzo Settore calabrese: l’ultima tristissima pagina è stata scritta lo scorso 30 settembre, quando una commissione regionale ha rinviato la discussione sui provvedimenti attuativi della legge 328 del 2000.

Ebbene sì, in Calabria, infatti, una norma statale è inapplicata da 19 anni. Un ritardo colossale visto che nel resto del Paese, la 328 è ormai storia e si accinge ad essere «superata» da nuove frontiere di impegno verso i più poveri. La denuncia – che conferma lo stato di agitazione dell’intero comparto socioassistenziale calabrese – è stata rese pubblica, attraverso una conferenza stampa, da Gianni Pensabene, portavoce regionale del Terzo Settore, affiancato da Luciano Squillaci, presidente della Federazione italiana delle Comunità terapeutiche, e da Franco Mundo, oresidente della Consulta delle Autonomie locali.
 
Ancora una volta, i numeri sono impressionannti: 404 strutture in regione si occupano di categorie svantaggiate. Realtà che si trovano «imprigionate» dal lassismo politico– amministrativo della politica calabrese, senza distinzione di colore politico. Le Politiche sociali continuano a essere la cenerentola dei servizi regionali con gravissime ripercussioni anche dal punto di vista occupazionale visto il grandissimo impatto che questi hanno sul territorio in merito ad operatori coinvolti.
 
«È il momento di agire» dichiarano in coro i tre durante l’incontro coi giornalisti nella Sala “Giuditta Levato” del Consiglio regionale della Calabria. Anche perché, evidenziano «non potremo mai essere adeguati agli standard di altre realtà». Il tutto, però, per via dei continui rinvii da parte della classe politica locale. L’ultima occasione persa è stata la delibera di Giunta numero 449, annulata dal Tar.
 
Un harakiri amministrativo, quindi, che continuerà a gravare sulle spalle fragili del Terzo settore calabrese.

Articoli Correlati