Avvenire di Calabria

Operazione della Guardia di Finanza denominata "Inter Nos". In manette vertici dell'Asp reggina e imprenditori in affari coi clan Serraino, Iamonte e Floccari

‘Ndrangheta nella sanità, arrestato il consigliere regionale Paris

Oltre al nome di Paris, tra gli indagati compaiono quelli di Squillacioti, già direttore generale dell'Asp, e Franco Sarica, già direttore sanitario e assessore comunale

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

'Ndrangheta nella sanità, arrestato il consigliere regionale Paris. Indagine della Guardia di Finanza: 24 persone indagate di cui 9 finiti in cella e sette ai domiciliari (tra cui Paris). L'accusa è corruzione e delitti contro la Pubblica amministrazione. Coinvolte le cosche Serraino di Reggio Calabria, Iamonte di Melito Porto Salvo e Floccari di Locri.

'Ndrangheta nella sanità, arrestato il consigliere regionale Paris

L'inchiesta si chiama in codice "Inter Nos". La sanità reggina sarebbe stata, secondo le Fiamme gialle, un affare di famiglia. Sotto inchiesta politici, imprenditori e professionisti della Salute. Un vero e proprio tsunami che coinvolge alcuni casati storici della 'ndrangheta come i Serraino e gli Iamonte o emergenti come i Floccari.

Tra gli indagati Nicola Paris, consigliere regionale eletto tra le fila dell'Udc, ma dato dai bookmakers della politica a un passo dalla Lega Nord in vista delle prossime regionali.

PER APPROFONDIRE | Sanità e malaffare, intreccio da sciogliere (Leggi l'articolo)

Sequestrate aziende per 12 milioni di euro. I tentacoli della 'ndrangheta avevano raggiunto Roma, Livorno, Verona e Milano oltre che la vicina Catanzaro. L'indagine è stata coordinata dal Procuratore Bombardieri, con l'ausilio dell'aggiunto, Dominijanni, e dai pm Ignazitto, Scavello e Mastrapasqua.

Gli inquirenti hanno scoperto tutta una serie di corruzioni finalizzate al pagamento privilegiato di fatture. Sono emersi elementi, inoltre, su illeciti legati alle sanificazioni e alle mascherine nel periodo della pandemia.

Le accuse su Paris

Ritenuto vicino alle cosche di 'ndrangheta. Secondo la Procura di Reggio Calabria, il consigliere regionale si sarebbe impegnato per la conferma di un funzionario infedele che avrebbe favorito i clan. Tra gli arrestati, infatti, ci sono anche alcuni funzionari dell’Asp come il direttore finanziario dell’Azienda sanitaria provinciale, Giuseppe Corea.

Tra i nomi noti indagati ci sono Grazia Rosanna Squillacioti, già direttore generale dell'Asp di Reggio Calabria, e Franco Sarica, già direttore sanitario della stessa Asp reggina con un passato di assessore ai Lavori pubblici del Comune di Reggio Calabria.

Tutti gli indagati

In carcere. Chilà Domenico (cl.’63), Chilà Antonino (cl. 67), Lauro Giovanni (cl. ’77), D’Andrea Antonino (cl. ’85), Macheda Francesco (cl. ’49), Calabrò Nicola (cl. ’50), Corea Giuseppe (cl. ’69), Costarella Massimo (cl. ’64), D’Andrea Mario Carmelo (cl. ’55)

Agli arresti domiciliari. Ambrogio Filomena (cl. ’57), Zaccuri Angelo (cl. ’56), Delfino Lorenzo (cl. ’67), Piccolo Sergio (cl. ’77), Valente Gianluca (cl. ’75), Idà Salvatore (cl. ’64), Paris Nicola (cl. ’81).

A piede libero. Martorano Bruno (cl. '75), Costantino Antonio (cl. ‘67), Luvarà Fortunato (cl. ‘51), Pennestrì Rosalba (cl. ‘57), Minniti Angela (cl. ‘63), Squillacioti Grazia Rosa Anna (cl. ‘50), Sarica Francesco (cl. ‘51).

Sospensione dai pubblici uffici. Galletta Giuseppe Giovanni (cl. ‘58).

Articoli Correlati

'Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

‘Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

La ‘ndrangheta si combatte attraverso un’azione pedagogica e liberante. La Chiesa calabrese in campo con nuove norme. Tra i provvedimenti proposti anche la nascita di Commissioni diocesane e sportelli di advocacy per quanti denunciano i clan.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.