Avvenire di Calabria

L'iniziativa di Save The Children ha visto quali destinatari otto nuclei familiari di etnia rom e stranieri

Caritas Lamezia, consegnati tablet a ragazzi in difficoltà

I dispositivi serviranno per motivare gli apprendimenti e facilitare lo studio anche in Dad

di Saveria Maria Gigliotti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A Lamezia Terme, consegnati tablet destinati a bambini e ragazzi, appartenenti a famiglie di etnia rom o straniere. Serviranno per facilitare gli apprendimenti e motivare lo studio.

Sono in tutto 15 i dispositivi consegnati nei giorni scorsi. I tablet, dotati di connessione dati, sono stati consegnati ad altrettanti bambini e adolescenti appartenenti ad otto famiglie di etnia rom e straniere che vivono a Lamezia Terme ed hinterland.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il progetto di “Save the Children”, realizzato in collaborazione con il Cda Calabria e il supporto logistico di Caritas diocesana di Lamezia Terme, ha come obiettivo il recupero degli apprendimenti e della motivazione allo studio di bambini ed adolescenti dai nove ai 17 anni colpiti dalla crisi educativa prodotta dalla pandemia Covid 19.

L’obiettivo è quello di raggiungere gli studenti che abitano nei contesti più a rischio e vivono in territori carenti di servizi a sostegno all’infanzia e all’adolescenza.


PER APPROFONDIRE: Lamezia, in preghiera per Romero e i missionari martiri


Il progetto, infatti, prevede di affiancare stabilmente un volontario, adeguatamente formato, ad un singolo bambino o ad un piccolo gruppo di bambini per l’accompagnamento allo studio online. Da qui anche l’esigenza di favorire la possibilità di poter seguire le lezioni a distanza con la consegna dei tablet.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.