Avvenire di Calabria

In comunione con tutta la Chiesa italiana, ieri in Cattedrale la veglia di preghiera durante la quale è stato ricordato monsignor Romero

Lamezia, in preghiera per Romero e i missionari martiri

Monsignor Schillaci: «L'esempio dei martiri ci aiuta ad ascoltare la Parola e a metterci in ascolto dell'altro»

di Salvatore D'Elia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Monsignor Giuseppe Schillaci, vescovo di Lamezia Terme ha presieduto ieri in Cattedrale la veglia di preghiera per i missionari martiri, in comunione con tutta la Chiesa Italiana. Ricordano anche il vescovo Oscar Romero di cui ricorreva, proprio ieri, il martirio.

«Oscar Romero è stato un vescovo che ha amato nei fatti e nella verità, che ha realizzato quanto scrive San Giovanni nella sua lettera: come il Signore ha donato la sua vita per noi, così anche noi dobbiamo dare la nostra vita per i fratelli». Così il vescovo di Lamezia Terme monsignor Giuseppe Schillaci, che ieri in Cattedrale ha presieduto la veglia di preghiera per i missionari martiri, in comunione con tutta la Chiesa italiana, nel giorno dedicato alla memoria e alla preghiera per quanti hanno perso la vita per annunciare Cristo e il suo Vangelo in ogni angolo della terra.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«Chi si mette alla sequela di Gesù, Buon Pastore, non può avere altra misura se non quella di amare senza misura, fino al dono della vita – ha proseguito Schillaci - Oscar Romero si è configurato all’immagine del Buon Pastore, che non ha altra preoccupazione se non la vita delle pecore. Il Buon Pastore dà la vita con larghezza d’animo, includendo tutti. Anche noi, tante volte, rischiamo di chiuderci, di confinarci in piccoli gruppi, di escludere gli altri. L’orrore della guerra che stiamo vivendo in queste settimane è frutto di una mentalità che esclude, che divide. Essere discepoli di Gesù comporta avere un cuore grande, che include tutti, che ama fino al dono della vita. Monsignor Romero e i martiri ci aiutino con il loro esempio, in questo cammino sinodale, ad ascoltare la Parola che ama tutti, senza escludere nessuno, di un amore generoso e gratuito».

All’inizio della celebrazione, il direttore dell’ufficio missionario diocesano don Antonio Costantino ha spiegato il senso della giornata «che ricorda l’uccisione dell’arcivescovo di San Salvador, Oscar Romero, assassinato il 24 marzo 1980 mentre stava celebrando l’Eucaristia. La sua figura rappresenta tutti gli umili servitori della Parola di Dio che, nel silenzio del loro servizio ai poveri e agli emarginati di ogni continente, hanno perso la vita in circostanze violente».


PER APPROFONDIRE: L’esperienza della “Missione con cura d’anime” a Reggio Calabria


Presenti in Cattedrale i rappresentanti dei diversi gruppi missionari presenti in Diocesi, che hanno animato la veglia e che collaborano costantemente al lavoro missionario diocesano a sostegno delle diverse missioni sparse nel mondo.

Articoli Correlati

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.

Oggi è la festa dell’Assunta: ecco cosa si celebra

Ferragosto, apice dell’estate, è in realtà una solennità molto sentita dai cristiani. Si tratta di una fra le più antiche feste mariane. La Vergine Assunta, recita il Messale romano, è primizia della Chiesa celeste