Avvenire di Calabria

L'iniziativa è stata fortemente voluta dal vescovo di Cassano allo Ionio, monsignor Francesco Savino

Cassano allo Ionio, sabato parte la Scuola di formazione alla cittadinanza responsabile

Al primo appuntamento parteciperà Rocco D’Ambrosio, Ordinario di Filosofia Politica presso l' Università Gregoriana

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il prossimo 12 giugno alle ore 9.00 presso la Chiesa di San Girolamo di Castrovillari, parte la Scuola di Formazione alla Cittadinanza Responsabile “Aretè”. Il primo incontro “La politica tra identità, storia e prospettive”, introdotto e moderato dal direttore dell’ufficio diocesano per lo sviluppo integrale Mimmo Graziano, avrà come relatore il prof. Rocco D’Ambrosio – Ordinario di Filosofia Politica presso la Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana in Roma.

La politica — non possiamo né dobbiamo dimen­ticarlo — altro non è se non l’esercizio più alto dell’amore, di quell’amore vero, pieno e integrale che il Vangelo an­nuncia e in cui risiedono il senso e il destino del nostro essere e del nostro vivere.In un contesto come il nostro, segnato dalla disaffezione ai temi della politica e dallo scarso senso di appartenenza alla comunità, l’iniziativa diviene – per mons. Savino – un compito indispensabile e carico di significato e responsabilità. Educare alla politica risponde ad un bisogno sociale. La finalità del progetto è quella di suscitare e sensibilizzare un fare attivo e partecipativo alla vita politica del paese. Il concetto di cittadinanza – secondo Savino – si riferisce a una condizione politica e sociale non solo di appartenenza, ma anche di partecipazione.

Il nostro tempo lo richiede con urgenza: l’alternativa rischia di essere il tracollo dell’intera umanità e l’irrealizzabilità per la persona di penetrare la verità del suo stesso statuto epistemologico. A livello esistenziale i cristiani sono interpellati a testimoniare con la vita i valori del vangelo, molti dei quali sono patrimonio comune del nostro popolo e sono recepiti nella nostra Costituzione. È il momento, dunque, che i cattolici tornino a sentirsi impegnati in un’opera di rinnovamento e far risentire nuovamente la loro voce.Il problema dei rapporti fra fede e impegno sociale e politico costituisce uno dei nodi principali della odierna vita ecclesiale e trova ampie risonanze nel magistero pastorale del vescovo di Cassano All’Ionio.

Pertanto, il progetto Aretè fortemente voluto da mons. Francesco Savino che ha come scopo la realizzazione di un’«ortoprassi» cristiana alla cittadinanza e alla politica responsabile, si offre come possibilità buona per contrastare le tendenze alla regressione della storia e fare la nostra parte per costruire il Paese come comunità di vita.

Articoli Correlati

La Chiesa calabrese festeggia monsignor Salvatore Nunnari

Oggi, l’Alto prelato reggino compie 82 primavere vissute nell’impegno costante verso gli ultimi. Dall’ordinazione sacerdotale di monsignor Ferro agli anni di missione episcopale tra Nusco e Cosenza. Le sue dichiarazioni a Avvenire di Calabria: «La Chiesa deve stare sempre vicino all’uomo che soffre».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.