Avvenire di Calabria

La Santa Sede ha ufficializzato il nome del Legato pontificio che presiederà le celebrazione a Cosenza previste per il mese di giugno

Giubileo Cattedrale Cosenza, il Papa invia il cardinale Parolin

Sarà il Segretario di Stato, il cardinale Pietro Parolin, a portare il messaggio del pontefice ai fedeli dell'arcidiocesi di Cosenza-Bisignano

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Santa Sede ha ufficializzato il nome del Legato pontificio che presiederà le celebrazione a Cosenza previste per il mese di giugno. Sarà il Segretario di Stato, il cardinale Pietro Parolin, a portare il messaggio del pontefice ai fedeli dell'arcidiocesi di Cosenza-Bisignano.

Parolin sarà il legato pontificio per il Giubileo della Cattedrale di Cosenza

Ufficializzata la nomina del Legato pontificio che presiederà - a nome del Santo Padre - le celebrazioni per l’ottavo centenario della Cattedrale di Cosenza (1222-2022). Il Santo Padre ha nominato il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, quale Legato Pontificio per la Celebrazione Eucaristica che presiederà il 25 giugno 2022 nella Cattedrale di Cosenza, in occasione dell’800esimo anniversario della dedicazione del Tempio.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La solenne celebrazione si svolgerà il prossimo 25 giugno 2022 a Cosenza, il giorno in cui si ricorda la seconda consacrazione della Cattedrale. Il 2022 è l’anno della cattedrale di Cosenza. La Chiesa madre bruzia compie 800 anni da quando, nel 1222, venne consacrata alla presenza di Federico II. La ricorrenza degli 800 anni sta coinvolgendo le diverse realtà legate alla diocesi bruzia, a partire dalle quelle pastorali, alle associazioni, ai movimenti, nonché alle istituzioni.

Un appuntamento che, grazie anche all’impegno profuso dal parroco - rettore della Cattedrale, don Luca Perri, vuole suscitare la fede dei credenti attorno al luogo di culto centro della vita diocesana, ma che allo stesso tempo avrà dei risvolti culturali, sociali e dal carattere inclusivo, al fine di favorire la consapevolezza del carattere identitario della Cattedrale. Il Giubileo ha avuto inizio il prossimo 30 gennaio, data nella quale la Cattedrale di Cosenza venne consacrata. In quella circostanza il re Federico II donò alla comunità cosentina la Stauroteca, la preziosa croce reliquiaria della passione di Cristo.

Il Giubileo si concluderà il 12 febbraio 2023, giorno della festa della Madonna del Pilerio, patrona della città e dell’arcidiocesi. La ricorrenza degli 800 anni della cattedrale di Cosenza coinciderà con lo svolgersi del cammino sinodale che papa Francesco ha voluto avviare nelle diocesi.


PER APPROFONDIRE: Il Giubileo di avvocati e giuristi cattolici nella Cattedrale a Cosenza


Le due occasioni sono entrambe propizie e gli eventi che riguardano la chiesa madre cosentina, nell’incontro, nell’ascolto e nel dialogo tra le diverse realtà impegnate sul territorio, sia legate alla diocesi che laiche, consentiranno di attivare nuovi processi in seno alla Chiesa e alla città cosentina.

Articoli Correlati

Savino (Cei) in Moldavia, visita al vescovo di Chisinau

Dopo essere stato ad Odessa, in Ucraina, in rappresentanza della Cei in occasione della tappa della Carovana della Pace, il vescovo Savino è stato in Moldavia: dall’inizio della guerra, qui accolti oltre 400 mila profughi.