Decreto Natale, passa la linea dura: zona rossa dal 24 dicembre – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Sì a due ospiti (con minori) e a spostamenti da piccoli Comuni. Le norme in un decreto legge

Decreto Natale, passa la linea dura: zona rossa dal 24 dicembre

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo un confronto durissimo e cinque ore di confronto, passa la linea dura a Palazzo Chigi. L'accordo finale nel governo sarebbe quello di una zona rossa nazionale dal 24 dicembre al 6 gennaio, nei giorni festivi e prefestivi. Per gli altri giorni feriali, invece, zona arancione con coprifuoco anticipato alle 20 (anziché le 22). In tutto ci saranno 10 giorni di lockdown totale mentre altri 6 saranno di parziali chiusure. Resta inoltre il divieto di muoversi in più di due persone, in deroga al blocco della circolazione. In sostanza si potranno ricevere in casa due non conviventi, escludendo però dal conteggio eventuali minori. Sarà consentito uscire dal territorio dei piccoli Comuni sotto i 5mila abitanti, entro un raggio di 30 chilometri. Non ci si potrà però muovere per andare nei Comuni capoluogo, anche se si trovano entro un raggio di 30 km.

Sono gli orientamenti che emergono dal vertice del premier Giuseppe Conte con i capi delegazione di maggioranza e il ministro Boccia. Ora ci sarà il confronto con le regioni.

Il segretario del Pd e presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, chiede celerità , senza ulteriori tentennamenti: ''Lazio zona rossa per le festività natalizie nel caso di assenza di un provvedimento del governo? Ne discuteremo con l'assessore e con il comitato scientifico - dice - Io confido che nella giornata di oggi ci siano decisioni che permettano a tutti di orientarsi: qualora non ci fosse un provvedimento nazionale, sicuramente il Lazio avrà un'ordinanza regionale per passare il Natale e il Capodanno in sicurezza". Il timore è una durissima terza ondata invernale. ''Gennaio e febbraio sarebbero drammatici'', sostiene. Una linea simile a quella di Luca Zaia, che ha già deciso autonomamente di bloccare gli spostamenti extra comunali dopo le ore 14 dal 19 dicembre.

Articoli Correlati

Giovanni Paolo II e la Chiesa che deve brillare

L’omelia di papa Giovanni Paolo II nel 1999 si concentra sulla contrapposizione fra la luce di Cristo, venuta nel mondo in un bimbo, e le tenebre del male, nel continuocombattimento di ogni cristiano.

Le sette Epifanie di papa Francesco

Bergoglio analizza le figure del presepe: dal Bambino agli sconosciuti dal cuore inquieto. I Re Magi in cammino verso la grotta della Natività rappresentano il pellegrinaggio di ogni uomo verso la meta celeste: «Davanti a Gesù non esiste più divisione alcuna di razza, di lingua e di cultura: in quel Bambino, tutta l’umanità trova la sua unità».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.