Avvenire di Calabria

Vissuta l'esperienza formativa del Campo estivo nel rispetto delle regole anti-covid

Estate 2021, il bilancio ragazzi dell’Azione cattolica di Villa San Giovanni

di Angela Curcuruto, Gaia Focà Tania Buccolieri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Durante l’estate 2021 i ragazzi dell’Azione cattolica della parrocchia Maria Santissima del Rosario di Villa San Giovanni hanno vissuto l’esperienza formativa del campo estivo. I bambini dai 3 ai 14 anni, nel costante rispetto delle regole anti Covid, hanno vissuto quattro giornate in luoghi diversi della città con l’obiettivo di condividere la gioia dell’Azione cattolica con tutti i coetanei che non conoscono questa realtà. La figura di Giona ha accompagnato nelle loro attività bambini e ragazzi. La riflessione quotidiana si è incentrata sulle parole chiave estrapolate dalla sua storia.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


A seguito del racconto, divisi per fascia d’età, hanno analizzato queste parole tramite delle attività organizzate dagli educatori su misura di ogni gruppo. Tante poi sono state le occasione di confronto e aiuto reciproco tra ragazzi più grandi e i bimbi più piccoli durante momenti ricreativi vissuti tutti insieme.

Anche i ragazzi del gruppo giovanissimi dell'Azione cattolica villese, tutti muniti di green pass, hanno vissuto tre giorni di convivialità a Gambarie nella casa parrocchiale della Candelora. È stata offerta loro l’opportunità di riflettere sul termine «vocazione». Un tema molto spesso sottovalutato o frainteso soprattutto dagli adolescenti. Insieme hanno scoperto che la vocazione si traduce in ciò che siamo chiamati a fare ogni giorno della nostra vita. Comprese le cose che ci sembrano più piccole e scontate.

Il tema della vocazione, i giovani di Azione cattolica a confronto

Ciascuno è chiamato a capire qual è il disegno che Dio ha pensato per lui. Ad impegnarsi per attuarlo nella piena libertà e secondo le proprie attitudini, consapevole che quello di Dio non è «un programma definito». Ognuno può decidere quale strada percorrere. Grazie alla bella storia di due testimoni, i ragazzi dell'Azione cattolica hanno avuto la prova che ogni giorno sono chiamati a vivere e impegnarsi per coltivare le proprie vocazioni. La figura centrale del campo estivo è stata l’apostolo Pietro, grande esempio di  vocazione, che ha accompagnato i ragazzi durante tutto il campo e in particolare durante la veglia alle stelle: importante momento di preghiera vissuta con l’aiuto del parroco padre Pasquale.

Ai momenti di riflessione si sono alternati altrettanti momenti di svago. I ragazzi, con le dovute precauzioni, hanno avuto modo di divertirsi attraverso giochi organizzati da loro stessi.


PER APPROFONDIRE: Monsignor Morrone incontra i giovani dell’Azione cattolica


Queste esperienze estive sono state molto significative sia per i ragazzi che hanno partecipato sia per l’intera comunità. Dopo essere stati privati per mesi della gioia di condividere momenti di preghiera, gioia e divertimento con l'altro.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.