Avvenire di Calabria

A maggio una mostra dedicata ai due sacerdoti centrali e carismatici della storia dell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova

Farias e Zoccali, il carisma di evangelizzare con la Cultura

Il percorso allestito nell'ambito delle giornate di valorizzazione del patrimonio culturale ecclesiastico 2022 sarà visitabile dal 6 al 27 maggio presso la biblioteca diocesana

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A maggio una mostra ripercorrerà carisma, sensibilità e impegno culturale ed evangelico dei due presbiteri reggini, diversi, ma allo stesso tempo uniti dal comune impegno evangelizzatore: don Domenico Farias e monsignor Vincenzo Zoccali.

Dal 6 al 27 maggio presso la biblioteca diocesana “Don Domenico Farias” di Reggio Calabria sarà possibile visitare una mostra, con materiale bibliografico e documentale, che tende a valorizzare due personaggi centrali e carismatici caratterizzanti l’arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Farias e Zoccali: due figure sacerdotali diverse tra loro, con sensibilità differenti, ma con in comune l’impegno dell’evangelizzazione attraverso il mondo della cultura.

La cifra dell’evangelizzazione nel mondo della cultura è stata, infatti, il lite motive delle loro rispettive vite: Farias, docente universitario, impegnato a tutto tondo nel mondo della cultura; Zoccali, ispiratore e direttore per oltre un trentennio dei luoghi della formazione di catechisti e insegnanti di religione e giornalista.

La mostra, proposta in occasione delle giornate di valorizzazione del patrimonio culturale ecclesiastico 2022 #visionidicomunità, è una sorta di viaggio nell’evangelizzazione attraverso il vissuto di queste due eccelse figure che non hanno mai smesso di mettere a servizio i loro doni e offrirli alla comunità ecclesiale. Il loro esempio è ancora attuale.

Don Farias e monsignor Zoccali hanno annunciato il Vangelo non facendo proselitismo. Evangelizzare per loro è significato dedicarsi alle diverse forme della predicazione. Gesù non chiede di fare del proselitismo, ma di evangelizzare: «Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato» (Mc 16, 16). Senza imporre nulla. Solo annunciare. Chi ascolta è libero di credere o non credere. Se crederà sarà salvato.


PER APPROFONDIRE: Il messaggio di Morrone per la Pasqua: «Credibili nella fede»


Farias e Zoccali, due uomini del loro tempo, attuali ancora oggi, perché, come i profeti, hanno lasciato la chiave di lettura per aprire le porte dell’oggi della storia.

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.