Avvenire di Calabria

Il confronto con la Generazione Z che frequenta parrocchie, gruppi e movimenti nell'arcidiocesi di Reggio - Bova

Generazione Z e Chiesa: la bellezza di sentirsi comunità

La parrocchia rimane, per tanti, un punto di riferimento. Cresce la ricerca di senso, così come i dubbi sui temi etici

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Generazione Z e Chiesa: la bellezza di sentirsi comunità. Le parrocchie sono un luogo di crescita che non “allontana”. Vanno però discussi i temi etico sociali. Queste solo alcune indicazioni dalla nostra indagine coi giovani reggini.

Generazione Z e Chiesa

La parrocchia come casa accogliente. I gruppi e le associazioni delle vere e proprie “seconde famiglie”. I ragazzi intervistati vivono una vita di fede capace di essere generativa per se stessi e per chi gli sta accanto. La quarantena li ha privati di vivere la comunità in pieno, ma adesso si affacciano al nuovo anno con rinnovato entusiasmo. Molti di loro vivono la spiritualità «in modo intimo».


L'indagine di Avvenire di Calabria

Molti guardano alla Generazione Z come si fa con i “topi da laboratorio”. Un costante esercizio di giudizio, più o meno ponderato, su quanti oggi attraversano la bella, selvaggia e difficile età dell’adolescenza.

Ma cosa sognano i nostri ragazzi? Mettersi in ascolto non vuol dire “soltanto” adeguare una cifra stilistica in termine di linguaggio, ma sospendere il giudizio rispetto alle risposte che ci vengono fornite.

D’altronde i nonni di oggi sono stati degli assurdi contestatori verso i loro genitori, quando andavano in giro con le prime minigonne o con i pantaloni a zampa d’elefante. Quello che vi proponiamo in questo dossier non è né un’analisi sociologica né un’indagine statistica.

Vuole essere una fotografia - il più fedele possibile - dei nostri ragazzi. O quantomeno di chi ha deciso di rispondere alle nostre domande.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La ricerca di senso

Altro che una generazione “vuota” come è stata descritta per molto tempo da pseudo-esperti. Tutt’altro. La ricerca del trascendente è quotidiana. Così come le domande di senso. L’essere accompagnati in questo percorso da figure adulte di riferimento (sacerdoti, consacrati, educatori e animatori) è un “vantaggio” che i giovani intervistati hanno ben presente.

Sanno di poter contare sempre su qualcuno, di avere dei punti di riferimento oltre a quelli domestici. C’è grande rispetto del messaggio evangelico considerato un vademecum per la vita.

Certo, qualche nota dolente c’è. E non si riferisce all’aspetto spirituale. Parliamo di convivenza e condivisione degli spazi e dei tempi delle comunità. Ma anche di temi etico-sociali che lasciano tantissimi punti interrogativi nei ragazzi.


PER APPROFONDIRE: Generazione Z. Come sarà il mio futuro? «Altrove e senza famiglia»


Gli interrogativi sui temi etici

Qualche esempio? Alcuni denunciano delle difficoltà organizzative o una difficoltà di dialogo con gli adulti delle parrocchie. Tra le “lamentele” dei giovani c’è anche la durata delle celebrazioni, ma su questo punto ci ha già pensato il Santo Padre a chiedere ai parroci di preparare omelia di massimo dieci minuti.

Passando ai nodi spinosi, qualche ragazzo intravede «invidia» tra le diverse componenti delle parrocchie auspicando che le divergenze vengano superate andando al cuore dell’essere comunità. Altri temi sui quali i giovani chiedono risposte è quello relativo ai divorzi e all’omosessualità.

«Tolleranza» è una parola che riecheggia più volte nelle proposte di cambiamento fornite da alcuni ragazzi intervistati. Qualcun altro, infine, parla di «pensiero retrogrado» riferendosi ai temi etici. Una richiesta di confronto che non può restare inascoltata.


I partecipanti alla nostra indagine

Sono davvero tanti i ragazzi che hanno aderito alla nostra iniziativa. Tutti si sono messi in discussione senza riserve fornendo risposte argomentate. Le trovate in questa pagina suddivise per temi: famiglia, futuro, Chiesa, tempo libero e scuola. Al nostro appello hanno risposto Agesci, Gifra ed Esistiamo, tre realtà associative che vivono il loro servizio all’interno della comunità diocesana e in quelle parrocchiali.


PER APPROFONDIRE: Generazione Z. La scuola “inutile” per il lavoro e i social ormai senza limiti


Articoli Correlati

Settimana sociale diocesi Reggio Calabria - Bova

Settimana sociale, il racconto dei delegati reggini

Tra i 700 delegate e delegati provenienti da tutta Italia, insieme ad un centinaio di vescovi, sacerdoti e laici, e rappresentanti delle istituzioni e politica, anche la delegazione reggina con l’arcivescovo Morrone.

L'impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

L’impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

Conosciamo da vicino le numerose opere della Caritas dislocate sul territorio diocesano di Reggio Calabria – Bova. In particolare, va evidenziato il grande lavoro dei centri d’ascolto della Caritas diocesana che sono tre e con diverse ubicazioni in Città.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.