Avvenire di Calabria

In Cattedrale, una veglia vocazionale ha preceduto la giornata celebrato domenica 8 maggio in tutto il mondo

Giornata delle vocazioni, la preghiera della diocesi di Oppido – Palmi

Alle iniziative della diocesi pianigiani si sono uniti in preghiera anche i soci del Club Serra

di Mimmo Petullà

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Anche la diocesi di Oppido - Palmi ha pregato per le nuove vocazioni, in occasione della Giornata che si è celebrata domenica scorsa. Giornata a precedere la quale la veglia vocazionale tenutasi giovedì 5 maggio presso la Cattedrale di Oppido e a cui ha partecipato il Club Serra International.

Il Club Serra International ha partecipato alla veglia vocazionale con la presidente Antonietta Bonarrigo e alcuni soci. L’interessante incontro – pensato insieme a don Giovanni Rigoli, Direttore del Centro Diocesano Vocazioni, e a don Giancarlo Musicò, Rettore del Seminario Diocesano – si è innanzitutto rivelato come un’occasione per sostenere, con la preghiera, il lavoro della Chiesa diocesana che, nello svolgimento del Primo Sinodo, continua a portare nel proprio cuore le speranze dell’intero territorio.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L’appuntamento è stato fecondo, anche perché ha incoraggiato la possibilità di riflettere nella pienezza dello stile comunionale – e attraverso un selezionato e appropriato repertorio di canti e di letture – intorno alle più complesse e più affascinanti sfide della pastorale vocazionale.

La grande prospettiva organizzativa è stata, infatti, la preparazione della cinquantanovesima giornata mondiale di preghiera delle vocazioni – eloquentemente intitolata “Fare la storia” – che domenica 8 maggio il Club Serra ha condiviso sempre presso la Cattedrale, partecipando alla Santa Messa celebrata dallo stesso don Giancarlo.

Giornata delle vocazioni, l'occasione per pregare e non solo

Il sacerdote, oltre a porre l’accento sulla ricchezza storica e spirituale del Seminario – quale luogo in cui i giovani, chiamati al sacerdozio, approfondiscono la propria scelta – ha messo in grande risalto la necessità di continuare a favorire percorsi pastorali capaci di lasciare emergere la novità delle domande giovanili – cogliendone, finanche, le eventuali provocazioni – in vista di un annuncio del Vangelo che raggiunga, veramente, il loro cuore.


PER APPROFONDIRE: Piccole scintille. La giornata del Seminario e il dono delle vocazioni


In entrambi i contesti alcuni seminaristi hanno avuto l’opportunità di narrare la personale esperienza vocazionale, rendendo tutti partecipi della bellezza del dono e della forza del mistero.

Articoli Correlati

Savino (Cei) in Moldavia, visita al vescovo di Chisinau

Dopo essere stato ad Odessa, in Ucraina, in rappresentanza della Cei in occasione della tappa della Carovana della Pace, il vescovo Savino è stato in Moldavia: dall’inizio della guerra, qui accolti oltre 400 mila profughi.