Avvenire di Calabria

È il protettore celeste dell'Ordine e, generalmente, il 29 settembre coincide con l'avvio delle attività annuali

I minimi di Paola si preparano a festeggiare San Michele Arcangelo

È previsto un tempo molto intenso di preghiera e riflessione al Santuario dei frati del Patrono di Calabria

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I minimi di Paola si preparano a festeggiare San Michele Arcangelo. È il protettore celeste dell'Ordine e, generalmente, il 29 settembre coincide con l'avvio delle attività annuali. Previsto un tempo di preghiera e riflessione al Santuario dei frati del Patrono di Calabria.

I minimi festeggiano San Michele

La Comunità Minima di San Francesco di Paola celebra il 29 settembre la festa liturgica di San Michele Arcangelo, Celeste Protettore dell’Ordine, che tradizionalmente coincide con l’avvio del nuovo anno sociale per il TOM.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Quest’anno le celebrazioni saranno arricchite dal 25esimo anniversario di professione religiosa di P. Ivano Scalise, P. Massimo Vitalba e Padre Alessandro Chiloiro con la celebrazione della Santa Messa in Chiesa Grande di giorno 28 settembre alle ore 18.00. 


PER APPROFONDIRE: Frati Minimi: la Calabria si affida al suo Patrono


Le celebrazioni si svolgeranno presso il Santuario Regionale di San Francesco di Paola con un Triduo di preparazione iniziato ieri, 26 settembre, e che si protrarrà fino al 28 settembre nel corso del quale uniti in preghiera si reciteranno, a partire dalle ore 17.00, il Santo Rosario, i Vespri e la Preghiera di intercessione, alle ore 18.00 seguirà la Santa Messa e alle ore 19.00 la Veglia di preghiera a cura della Fraternità TOM di Paola.

Giorno 29 settembre la Santa Messa sarà presieduta da P. Domenico M. Crupi, Assistente TOM. Nel corso della celebrazione sarà recitato l’Atto di affidamento dell’ordine al Santo Protettore. 

Articoli Correlati

L'impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

L’impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

Conosciamo da vicino le numerose opere della Caritas dislocate sul territorio diocesano di Reggio Calabria – Bova. In particolare, va evidenziato il grande lavoro dei centri d’ascolto della Caritas diocesana che sono tre e con diverse ubicazioni in Città.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.