Avvenire di Calabria

Da 18 anni al servizio della Chiesa reggina-bovese a sostegno delle vocazioni

Il Club Serra incontra per la prima volta il vescovo Morrone

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Club Serra, sezione di Reggio Calabria, ha incontrato per la prima volta l’arcivescovo di Reggio Calabria – Bova, monsignor Fortunato Morrone. Un incontro, ospitato in Episcopio, all’insegna della semplicità e della fraterna cordialità. Con il presidente Oreste Arconte, a far visita al presule anche il segretario del Club, Francesco Rechichi, il tesoriere, Filippo Maltese, i past presidenti, Alessandra Maltese, Roberto Pennisi e Danila Leale, il past governatore Calabria - Sicilia, Pasquale Cama e alcuni soci tra cui Maria Napoli Lazzarino, Nella Restuccia, Antonietta Marino, Angela Marina, il diacono Santo Caserta e Giuseppe Giovannella. Erano presenti anche il nuovo rettore del seminario arcivescovile, don Nino Pangallo e il vice rettore don Emanuel Mbamba.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il Club Service Internazionale - ha spiegato Arconte al vescovo - «promuove le vocazioni sacerdotali e religiose. Assiste, inoltre, i seminaristi in difficoltà e supporta i sacerdoti ed i parroci nel loro ministero».

18 anni a sostegno della Chiesa reggina-bovese

Il Club Serra reggino è nato nel 2003 per volontà di monsignor Vittorio Mondello, oggi arcivescovo emerito e del rettore del seminario e del padre spirituale di quegli anni, monsignor Santo Marcianò e don Pangallo. In questi 18 anni di attività, ancora Arconte, «il Club ha promosso importanti iniziative. Tra esse il premio per gli studenti reggini di ogni ordine e grado». Iniziativa grazie alla quale «la comunità del seminario si è fatta conoscere a giovani e loro famiglie».


PER APPROFONDIRE: Il Club Serra ricorda la figura di San Gaetano Catanoso


Morrone ha ringraziato i serrani per il servizio reso con passione alla Chiesa reggina. Da cappellano del Club si è detto disponibile a sostenere il programma di attività che prevede la formazione, la propaganda, la carità e gli incontri mensili con i seminaristi. L’appuntamento è per i primi di ottobre in seminario per l’apertura del nuovo anno sociale del Club Serra sezione di Reggio Calabria.

Articoli Correlati

L'impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

L’impegno della Caritas di Reggio Calabria nel post-lockdown

Conosciamo da vicino le numerose opere della Caritas dislocate sul territorio diocesano di Reggio Calabria – Bova. In particolare, va evidenziato il grande lavoro dei centri d’ascolto della Caritas diocesana che sono tre e con diverse ubicazioni in Città.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.