Avvenire di Calabria

Ennesima condanna del Santo Padre alla guerra che continua a provocare vittime innocenti, tra cui tanti bambini

Il Papa all’udienza: «In Ucraina nuove atrocità, basta guerra»

L'appello e la speranza di Francesco che ha sventolato una bandiera proveniente da una delle città più martoriate da bombardamenti, saccheggi e crudeltà

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Le recenti notizie sulla guerra in Ucraina, anziché portare sollievo e speranza, attestano invece nuove atrocità, come il massacro di di Bucha». A denunciarlo è stato il Papa, al termine dell’udienza di oggi, prima dei saluti in lingua italiana.

«Crudeltà sempre più orrende compiute anche contro civili, donne e bambini inermi», ha proseguito Francesco. «Sono vittime il cui sangue innocente grida fino al cielo e implora: si metta fine a questa guerra, si facciano tacere le armi, si smetta di seminare morte e distruzione».

La condanna del Papa alla guerra: basta alla strage di innocenti

«Preghiamo insieme su questo», l’invito del Papa ai presenti in Aula Paolo VI, che hanno pregato insieme a lui qualche minuto in silenzio. «E ieri, proprio da Bucha, mi hanno portato questa bandiera», ha rivelato Francesco, che si è alzato in piedi per dispiegarla e farla vedere a tutti.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«Questa bandiera viene dalla guerra. Proprio da quella città martoriata, Bucha», ha spiegato. «E anche qui ci sono qui alcuni bambini ucraini che ci accompagnano. Salutiamoli e preghiamo insieme con loro».

«Questi bambini sono dovuti fuggire e arrivare a una terra strana», ha detto il Papa una volta attorniato sul palco dai piccoli. «Questo è uno dei frutti della guerra, non dimentichiamolo. E non dimentichiamo il popolo ucraino».

Il viaggio a Malta

Poi il Santo Padre ha distribuito uova di Pasqua ai bambini, e ha commentato: «È duro essere sradicato dalla propria terra per una guerra». Anche all’inizio della catechesi, dedicata a ripercorrere le tappe del suo viaggio apostolico a Malta, Francesco ha parlato del conflitto in atto, con una denuncia precisa: «Oggi si parla spesso di geopolitica, ma purtroppo la logica dominante è quella delle strategie degli Stati più potenti per affermare i propri interessi estendendo l’area di influenza economica, ideologica e militare. Lo stiamo vedendo con la guerra».

Malta rappresenta, in questo quadro, «il diritto e la forza dei piccoli, delle Nazioni piccole ma ricche di storia e di civiltà, che dovrebbero portare avanti un’altra logica: quella del rispetto e della libertà, della convivialità delle differenze, opposta alla colonizzazione dei più potenti», la tesi del Papa. «Lo stiamo vedendo adesso, e non solo da una parte, anche dall’altra», ha aggiunto a braccio.


PER APPROFONDIRE: 8 marzo. Il “tweet” del Papa per mamme e bimbi in fuga dalle guerre


«Dopo la seconda guerra mondiale - ha continuato Bergoglio - si è tentato di porre le basi di una nuova storia di pace, ma purtroppo non impariamo: è andata avanti la vecchia storia di grandi potenze concorrenti. E, nell’attuale guerra in Ucraina, assistiamo all’impotenza dell’Organizzazione delle Nazioni Unite».

M.Michela Nicolais - Agensir

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.