Il papa per la Giornata della pace: «Educazione più inclusiva» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Il messaggio del Pontefice: "L’educazione alla cura nasce nella famiglia, nucleo naturale e fondamentale della società"

Il papa per la Giornata della pace: «Educazione più inclusiva»

Michela Nicolais

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«L’educazione alla cura nasce nella famiglia, nucleo naturale e fondamentale della società, dove s’impara a vivere in relazione e nel rispetto reciproco». Ne è convinto il Papa, che nel messaggio per la Giornata mondiale della pace afferma che «la famiglia ha bisogno di essere posta nelle condizioni per poter adempiere questo compito vitale e indispensabile», grazie anche alla collaborazione con «altri soggetti preposti all’educazione», come la scuola, l’università e «i soggetti della comunicazione sociale», chiamati a «veicolare un sistema di valori fondato sul riconoscimento della dignità di ogni persona, di ogni comunità linguistica, etnica e religiosa, di ogni popolo e dei diritti fondamentali che ne derivano». «L’educazione costituisce uno dei pilastri di società più giuste e solidali», ricorda inoltre Francesco, secondo il quale «le religioni in generale, e i leader religiosi in particolare, possono svolgere un ruolo insostituibile nel trasmettere ai fedeli e alla società i valori della solidarietà, del rispetto delle differenze, dell’accoglienza e della cura dei fratelli più fragili. A quanti sono impegnati al servizio delle popolazioni, nelle organizzazioni internazionali, governative e non governative, aventi una missione educativa, e a tutti coloro che, a vario titolo, operano nel campo dell’educazione e della ricerca – scrive il Papa sulla scorta del Patto educativo globale - rinnovo il mio incoraggiamento, affinché si possa giungere al traguardo di un’educazione più aperta ed inclusiva, capace di ascolto paziente, di dialogo costruttivo e di mutua comprensione».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.