Avvenire di Calabria

Si rinnova l'appuntamento estivo nei borghi più suggestivi dell'area grecanica alla scoperta dei pianeti e del territorio

Il viaggio tra le stelle del Planetario di Reggio Calabria

"Tra le stelle e le cicale" è un progetto nato nel 2016 con l'intento di inserire il turismo astronomico nel quadro più ampio del turismo sostenibile

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un suggestivo viaggio tra le stelle toccando i borghi più suggestivi dell'area grecanica, si rinnova l'appuntamento estivo nato nel 2016 promosso dal Planetario Pythagoras di Reggio Calabria.

“Tra le stelle e le cicale” è un progetto che parte nel 2016 con il Gruppo Azione Locale Area Grecanica con l’obiettivo di inserire il turismo astronomico nel quadro più ampio del turismo sostenibile in cui l'intero territorio è inteso come sistema culturale di processi stratificati nel tempo. Per turismo astronomico si intende sia il percorso che si effettua lungo itinerari in montagna per osservare il cielo avvantaggiandosi delle condizioni di trasparenza delle alte quote, sia quello che si effettua in luoghi evocativi del Cielo dove vengono illustrate le cosmologie storiche, in generale, l’evoluzione delle scienze celesti, ed il percorso di comprensione del mondo che ci circonda.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La Calabria, la provincia di Reggio Calabria, è terra dalla forte identità storica che si evidenzia nella conservazione delle manifestazioni e delle feste tradizionali ancora pervase da un sapore antico, in cui si ritrovano le comuni origini culturali.

Nell’area Grecanica, terra di antichissime radici, miti, leggende e favole si sovrappongono alla storia o addirittura la sostituiscono dove essa non è stata ancora scritta o è stata scritta in modo incerto.

In questa area piena di storia non ci sono solo le leggende sul brigante Nino Martino ma si ritrovano pillole di scienza quotidiana. Noi, legati ad una vita in cui ad ogni istante possiamo emulare il “Sia la luce” della Genesi schiacciando un semplice interruttore, dobbiamo fare uno sforzo di immaginazione non indifferente per ricostruire quelle condizioni in cui si trovavano i nostri contadini in un'epoca in cui, appena tramontato il Sole, il buio regnava sovrano.

Ecco che le immagini, i fenomeni, i simboli della astronomia diventano paradigma di “conoscenza”, forma di comunicazione. In questa tradizione molte volte dispersa e frammentata, si possono ravvisare, come i pezzi di un puzzle, ingegnose costruzioni narrative che, in parte ricomposte, rappresentano il primo linguaggio scientifico.

Il viaggio tra le stelle del Planetario di Reggio Calabria, si parte da Palizzi

Nell’anno del cinquantesimo anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace, grazie al PAC 2014-2020, Azione – “Esplorando lo spazio celeste”, il Planetarium Pythagoras - Città Metropolitana di Reggio Calabria ripropone un viaggio tra le stelle della area grecanica della Calabria, culla secolare della minoranza linguistica ellenofona, che custodisce immutate le tracce della sua antica natura di crocevia del bacino del Mediterraneo.

«Per questo, e tanto altro – si legge in una nota del Planetario di Reggio Calabria - ci piace evidenziare che: nella ricerca delle “Nostre radici” e tra i “Tesori del Mediterraneo” c’è anche la Scienza del Cielo che affonda le sue radici nella Magna Grecia e rappresenta il testimone di un iter culturale iniziato millenni fa».

Le Istituzioni, tutte, «della nostra regione devono avvalersi dell’offerta turistica culturale che proviene dalla presenza di una struttura museale e scientifica quale è il Planetario di Reggio Calabria. L’Astronomia consente, infatti, iniziative tese ad incoraggiare e sviluppare un nuovo tipo di turismo non solo vincolato alla bellezza dei luoghi ma anche a proposte culturali interessanti ed emotivamente coinvolgenti».


PER APPROFONDIRE: Planetario Pythagoras, «un oratorio laico in cui esercitarsi alla ragione»


Il confronto tra passato e presente stimola paragoni tra diverse culture, consente di affrontare con maggiore consapevolezza le dinamiche del mondo moderno, per costruire una società della convivenza e del reciproco rispetto. Tutto questo è alla base del viaggio, promosso anche quest'anno dal Planetario di Reggio Calabria, che ha preso il via giovedì 4 agosto, dal Castello di Palizzi, per continuare tra i borghi di Bova, Spropoli, Roccaforte del Greco, Bagaladi, Roghudi, Gallicianò. Il programma completo è visionabile sul sito: www.planetariumpythagoras.com.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.