Avvenire di Calabria

Edito da Garzanti, il libro è da oggi in tutte le librerie d'Italia. Nello Scavo ha vinto il "Premiolino" nel 2020

Il reporter Nello Scavo racconta l’inferno di Kiev nel suo nuovo libro

«Non esistono parole giuste per raccontare una guerra. Ma di certo esiste il modo migliore: in presa diretta»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un racconto in presa diretta da Kiev, nuovo fronte nel cuore dell'Europa: a farlo è Nello Scavo, reporter di Avvenire, di ritorno dalla sua missione in Ucraina come inviato di guerra. Edito da Garzanti, il libro è da oggi in tutte le librerie d'Italia.

La Kiev bombardata dagli occhi di Nello Scavo

Nello Scavo, tra i più esperti e premiati corrispondenti di guerra italiani, raggiunge la capitale ucraina a metà febbraio 2022, quando la minaccia di un attacco russo si fa sempre più insistente, ma ancora in pochi credono possibile un’invasione militare da parte di Vladimir Putin.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Da quel momento, registra senza censure il rapido tracollo di una situazione che si fa sempre più pericolosa: la dichiarazione dello stato di emergenza, il trasferimento delle ambasciate, e poi le esplosioni, le colonne di carrarmati, il disperato esodo dalle città.

Non esistono parole giuste per raccontare una guerra. Ma di certo esiste il modo migliore: in presa diretta.

Nello Scavo

Giorno dopo giorno descrive i movimenti delle truppe russe e la resistenza degli ucraini; approfondisce le conseguenze politiche ed economiche dei combattimenti; svela le ragioni ideologiche alla base delle decisioni dei leader. Allo stesso tempo non dimentica la dimensione umana del dramma in corso, raccogliendo le testimonianze dirette di chi da un momento all’altro ha dovuto abbandonare la casa, ha perso la famiglia, ha scelto di imbracciare un fucile.

Kiev è il diario personale di un conflitto nel cuore dell’Europa, scritto sul campo da un giornalista chiaro nello spiegare le ragioni di quanti la guerra la decidono, ma soprattutto capace di dare voce a coloro che questa tragedia sono costretti a subirla. Kiev di Nello Scavo edizioni Garzanti 2022


PER APPROFONDIRE: Nello Scavo: «Vi racconto le deportazioni di oggi»


Il reporter di Avvenire, Nello Scavo

Nello Scavo è inviato speciale di Avvenire. Negli anni ha indagato sulla criminalità organizzata e il terrorismo globale, firmando servizi da molte zone calde come la ex Jugoslavia, il Sudest asiatico, i paesi dell’ex URSS, l’America Latina, il Corno d’Africa e il Maghreb. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio CIDU per i Diritti Umani – Ministero degli Esteri (2020) e Il Premiolino (2020). Attualmente è consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti.

Articoli Correlati

Savino (Cei) in Moldavia, visita al vescovo di Chisinau

Dopo essere stato ad Odessa, in Ucraina, in rappresentanza della Cei in occasione della tappa della Carovana della Pace, il vescovo Savino è stato in Moldavia: dall’inizio della guerra, qui accolti oltre 400 mila profughi.