Avvenire di Calabria

In particolare verrà valorizzato l'impegno delle donne calabresi rispetto al contrasto alle pratiche illegali

Legalità agro-ambientale, incontro di Coldiretti a Reggio Calabria

L'appuntamento si terrà presso la sede della Camera di Commercio della Città dello Stretto

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Legalità agro-ambientale, incontro di Coldiretti a Reggio Calabria. In particolare verrà valorizzato l'impegno delle donne calabresi rispetto al contrasto alle pratiche illegali. L'appuntamento si terrà presso la sede della Camera di Commercio reggina.

Legalità agro-ambientale, incontro di Coldiretti a Reggio Calabria

Si terrà lunedì 7 marzo dalle 9.30 , nel salone della  Camera di Commercio il convegno “Le Donne Dell’acqua e la loro impronta sulla legalità agro – ambientale”. L’ evento è promosso congiuntamente dalla Coldiretti Donne Impresa Calabria e dal Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume con il patrocinio della Camera di Commercio di Reggio Calabria e dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Un confronto atteso che vedrà, con la relazione introduttiva, tra i relatori,  il già procuratore Gian Carlo Caselli presidente del “Comitato Scientifico dell’Osservatorio sulla criminalità in agricoltura e sul sistema agroalimentare”. Ed ancora, tra gli altri,  Giusy Princi Vice-Presidente Regione Calabria, Massimo Bastiani coordinatore Tavolo Nazionale dei Contratti di fiume, Floriana Fanizza responsabile Nazionale di Donne Impresa Coldiretti, Maria Rosaria Russo Dirigente scolastica, Patrizia Piro che insegna Costruzioni Idrauliche al Dipartimento Ingegneria dell’Unical, Lorenza Paoloni che insegna diritto Agrario e Agroalimentare all’Università del Molise, Paola Brambilla WWF e il Col. Giorgio Borrelli Comandante dei Carabinieri Forestali. Coordina i lavori Paola Rizzuto coordinatrice Donne dell’acqua tavolo nazionale contratti di fiume.

Si porrà in evidenza, l'impronta femminile nella legalità declinata nella tutela della risorsa idrica, della natura e biodiversità e agro-alimentare e i temi connessi delle agro-mafie, reati ambientali e diritto alimentare. Le donne "sentinelle" dei territori e della legalità, driver fondamentali di vigilanza e cura dei luoghi di cui sono parte.

L’incontro si inserisce nell’ambito della campagna nazionale di sensibilizzazione avviata sia dal Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume (TNCdF) che da Coldiretti Donne Impresa, per valorizzare il contributo che le donne danno alla sicurezza alimentare e alla nutrizione, all’acqua, alla terra, alla montagna, al fine di superare atavici gap di genere, potendo partecipare in modo attivo e propulsivo alle decisioni delle politiche agro-ambientali e idriche.


PER APPROFONDIRE: Coldiretti Calabria: «Campagne impoverite, le aziende vendono sottocosto»


Occorre valorizzare il contributo delle donne per favorire il dibattito sull’empowerment femminile come strumento di crescita nei settori dell’agricoltura e idrico, che sono strettamente legati e per creare percorsi di consapevolezza e fare il punto sugli sviluppi delle politiche di genere in tali settori. Non più la sola tutela dell’ambiente separata dalla qualità agro-ambientale e alimentare, ma l’idea della “legalità” come elemento unificante: il rispetto delle regole quale garanzia di tutela delle comunità, del produttore e del cittadino –consumatore.

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»