Avvenire di Calabria

Rispetto allo scorso anno si registra un incremento in tutta Italia del numero di persone giunte sulle nostre coste

Migranti, sbarchi ancora massicci: in aumento rispetto al 2021

Non c'è solo l'emergenza dei flussi migratori dall'Ucraina, da affrontare una vecchia piaga che coinvolge il Paese e l'intero bacino europeo del Mediterraneo

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Calabria si conferma terra di sbarchi. Mentre l'Italia e l'Europa hanno dovuto fare i conti con una nuova emergenza migratoria proveniente dall'Ucraina, i flussi migratori via mare, negli ultimi mesi, non si sono mai fermati. Anzi, hanno fatto registrare un aumento rispetto allo stesso periodo del 2021.

Emergenza sbarchi, numeri in aumento in Calabria

Dall’inizio del 2022 sono stati 34 gli sbarchi in Calabria, per un totale di circa 5mila migranti. E con l’estate ancora nel vivo, non c’è dubbio che il numero degli arrivi per l’anno in corso sarà ben superiore rispetto alle 7mila unità fatte registrare nel 2021.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Roccella, Siderno, Caulonia, Palizzi, Reggio Calabria, le località dove più di tutte si verificano gli sbarchi. Nel reggino, infatti, gli approdi nel 2022 sono aumentati.

Il dato relativo all'Italia

Non solo in Calabria si registra un aumento degli sbarchi. Il trend interessa anche altre zone d'Italia, dove si contano finora, in tutto, 31.339 persone migranti sbarcate sulle coste da inizio 2022. Nello stesso periodo, lo scorso anno furono 24.576 mentre nel 2020 furono 9.299. Il dato è stato diffuso dal ministero degli Interni, considerati gli sbarchi rilevati entro le 8 di questa mattina.

Nella giornata di ieri sono state 396 le persone registrate in arrivo sulle nostre coste che hanno fatto salire a 3.706 il totale di quelle arrivate via mare in Italia da inizio mese. L’anno scorso, in tutto luglio, furono 8.609, mentre nel 2020 furono 7.062.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: Dipendenze, allarme rosso per i minori: crolla l’età dei consumi


Degli oltre 31.300 migranti sbarcati in Italia nel 2022, 5.033 sono di nazionalità bengalese (16%), sulla base di quanto dichiarato al momento dello sbarco; gli altri provengono da Egitto (4.967, 16%), Tunisia (4.308, 14%), Afghanistan (3.291, 10%), Siria (1.766, 6%), Costa d’Avorio (1.114, 4%), Eritrea (830, 3%), Iran (761, 2%), Guinea (753, 2%), Sudan (571, 2%) a cui si aggiungono 7.945 persone (25%) provenienti da altri Stati o per le quali è ancora in corso la procedura di identificazione.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.