Avvenire di Calabria

A Montalto Uffugo si è concluso il tredicesimo capitolo generale della Comunità dei religiosi

Missionari Ardorini, padre Cimino riconfermato Superiore generale

La Congregazione è stata fondata nel 1928 dal Servo di Dio, monsignor Gaetano Maruo

di Francesco Rizza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Concluso a Montalto Uffugo, in provincia di Cosenza, il tredicesimo Capitolo Generale della Comunità dei Missionari Ardorini, fondata nel 1928 dal Servo di Dio monsignor Gaetano Mauro per il quale è in corso il processo di canonizzazione.

Padre Salvatore Cimino è stato riconfermato Superiore generale della Comunità religiosa. Il padre petilino, entrato fra i Missionari Ardorini nel 1991, era stato eletto superiore generale nel 2016.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il nuovo Consiglio è costituito dal vicario generale padre Antonio De Rose, dall'economo padre Renato Gaglianone e dai consiglieri generali padre Gerardo Naranjo Silva e padre Edwin Muñoz Bahos, entrambi provenienti dalla Colombia dove gli Ardorini sono presenti da più lustri ed hanno avuto numerose vocazioni.

Presente al Capitolo anche monsignor Gianfranco Todisco che nel 2016 esseneo vescovo di Melfi, Rapolla e Venosa, nel 2016 ha chiesto a papa Francesco di ritornare a fare il missionario ed ottenuta l'autorizzazione si è trasferito in Honduras.


PUÒ INTERESSARTI ANCHE: «Io missionaria in Ruanda vi racconto la mia Africa»


Il sessennio appena concluso in cui gli Ardorini sono stati guidati da padre Cimino è stato molto proficuo. Nonostante la Comunità religiosa rappresenti nella Chiesa cattolica un "piccolo seme" per il numero dei religiosi, infatti, in questi ultimi anni sono state aperte delle case in India ed in Tanzania.

Articoli Correlati

Le processioni del maestro Stellario Baccellieri

Conosciamo meglio l’artista reggino, conosciuto anche come il Pittore del Caffè Greco o il Pittore dei Caffè. Stellario Baccellieri ama ancora immortalare le processioni della sua Calabria.