Avvenire di Calabria

Il passaggio in Zona Gialla consentirà la riapertura in assoluta sicurezza la visita alle proprie collezioni d’arte sacra e alla Mostra “Icone del Rinascimento”

Museo diocesano “Aurelio Sorrentino”, domani la riapertura al pubblico delle sale espositive

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Martedì 11 maggio il Museo diocesano di Reggio Calabria riaprirà al pubblico, garantendo in assoluta sicurezza la visita alle proprie collezioni d’arte sacra e alla Mostra “Icone del Rinascimento”, inaugurata il 26 aprile scorso e finalmente visitabile in presenza.

La riapertura avverrà secondo un nuovo orario estivo: martedì, mercoledì, giovedì e sabato h 9-13, venerdì h 9-17 e, fino all’11 agosto, un’apertura straordinaria ad ingresso gratuito ogni mercoledì h 17-20.

In cantiere un ricco programma di eventi aperti al pubblico nell’ambito del Progetto “L’arte racconta. Icone del Rinascimento” in corso fino al 17 agosto: il cantiere di restauro della statua di San Basilio (1535) a cura di Giuseppe Mantella; un ciclo di seminari online con gli interventi di Alessandra Migliorato (21 maggio), Valeria Varà (11 giugno) e Mariella Grande (23 giugno); quattro laboratori didattici per bambini tra maggio e luglio; un Concerto per orchestra e voci del Conservatorio di musica “Francesco Cilea” dedicato alla musica sacra del Rinascimento.

Martedì 18 maggio in occasione della Giornata internazionale dei Musei ICOM dedicata al tema “Il futuro dei Musei: rigenerarsi e reinventarsi” il Diocesano proporrà un’apertura straordinaria pomeridiana h 17-20 e una visita guidata gratuita, occasione per ‘costruire’ insieme alla cittadinanza un’esperienza culturale condivisa e ricca dell’apporto di ciascuno(per quest’ultima è richiesta la prenotazione al n. 3387554386).

In adempimento alle disposizioni ministeriali, in occasione delle visite sarà necessario osservare alcune regole comportamentali semplici, ma essenziali per accesso e permanenza all’interno del Museo: numero di visite contingentato; distanza interpersonale di sicurezza; igienizzazione all’ingresso; obbligo dell’uso di mascherine; prenotazione consigliata per le visite al sabato.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.